Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2004 December;17(6) > Chirurgia 2004 December;17(6):243-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

CASI CLINICI  


Chirurgia 2004 December;17(6):243-6

Copyright © 2004 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Complicated Meckel's diverticulum. A case report

Dicasillati R., Cantaluppi G., Villani F.


PDF  


Gli Autori descrivono l'esperienza del trattamento di un paziente presentante una rara complicanza del diverticolo di Meckel. Il paziente, di sesso maschile, 57 anni, si è presentato all'ammissione in ospedale con quadro clinico di occlusione intestinale. La peculiarità del caso è data dal fatto che l'occlusione è stata causata dal coprolita a stampo del diverticolo di Meckel, migrato e incuneato, questo più tipicamente, nell'ileo terminale. L'opzione chirurgica è stata l'enterotomia per l'asportazione del coprolita e la resezione segmentaria dell'ansa ileale, contenente il diverticolo con anastomosi termino-terminale. L'istologia del diverticolo non mostrava mucosa ectopica.
Il diverticolo di Meckel, dalla sua descrizione e interpretazione come residuo del tratto onfalomesenterico, è riconosciuto come la più comune malformazione congenita del piccolo intestino. Circa nel 70% dei casi rimane misconosciuto e asintomatico. Viene scoperto accidentalmente in corso di laparotomie o laparoscopie, o diviene un reperto autoptico. Nel rimanente 30% dei casi si manifesta con complicanze, più frequentemente nella prima infanzia. Esse sono: occlusione intestinale (31%), emorragia (23%), intussuscezione (14%), diverticolite (14%), perforazione (10%), miscellanea (8%). Solo pochi Autori citano il reperimento nel diverticolo di Meckel di coproliti, in genere multipli, associandoli più alle complicanze infiammatorie e/o emorragiche. Il diverticolo di Meckel può essere sede di ectopia tissutale: nell'ordine vengono descritti casi di ectopia mucosa gastrica, tessuto pancreatico, ectopie mucose duodenali e coliche. Più raramente sono state individuate degenerazioni maligne: leiomiosarcoma, carcinoide e, ancor meno frequentemente, adenocarcinoma, quest'ultimo probabilmente in relazione all'ectopia mucosa gastrica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail