Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2004 Dicembre;17(6) > Chirurgia 2004 Dicembre;17(6):231-4

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

CASI CLINICI  


Chirurgia 2004 Dicembre;17(6):231-4

lingua: Inglese

Conservative management of a case of gastric perforation following endoscopic hemostasis. A survey of the literature

Dicasillati R., Villani F., Calati A. M.


PDF  


Gli Autori riportano il caso di un paziente di sesso maschile, di 34 anni, asintomatico e in buone condizioni, che presentava pneumoperitoneo in seguito a un'endoscopia d'urgenza praticata per un'emorragia digestiva superiore. Considerando le condizioni del paziente, abbiamo deciso di optare per un approccio conservativo alla perforazione gastrica, mantenendo una stretta osservazione. Il paziente è stato dimesso in 8° giornata, risoltosi il quadro clinico: le condizioni erano stabili, il dolore epigastrico assente e l'alvo normale. Nel nostro caso, due caratteristiche interessanti sono l'eziologia iatrogena della perforazione e le buone condizioni del paziente. In luogo di una vasta rottura, cedimento o necrosi massiva di parete, non si registravano segni clinici di versamento libero peritoneale e la quantità di aria libera intraperitoneale potrebbe trovare spiegazione come conseguenza della dissezione endoscopica di una parete gastrica danneggiata e trattata aggressivamente. Inoltre, mentre in simili casi vengono descritti età avanzata e non buone condizioni generali, il nostro paziente era di giovane età e in buono stato di salute generale. In casi come questo, la terapia farmacologia e di supporto e la continua stretta osservazione possono rappresentare un'efficiente, non invasiva e sicura alternativa alla chirurgia. Si esamina e si discute il ruolo del trattamento conservativo del pneumoperitoneo e sono proposti criteri decisionali per il trattamento conservativo del pneumoperitoneo a seguito di endoscopia e per la gestione del paziente giovane e in buone condizioni con pneumoperitoneo a seguito di endoscopia.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail