Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2004 October;17(5) > Chirurgia 2004 October;17(5):169-72

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia 2004 October;17(5):169-72

Copyright © 2004 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Impieghi clinici alternativi della tossina botulinica in chirurgia plastica e ricostruttiva. La sindrome di Frey

Ferraro G., Altieri A., D’Andrea F.


PDF  


Obiettivo. La sindrome di Frey è un fenomeno frequente dopo parotidectomia totale o interventi sull'articolazione temporomandibolare. È caratterizzata da iperidrosi e rossore facciale alla regione parotidea durante i pasti.
Metodi. Sono stati inclusi nello studio 28 pazienti con sindrome di Frey. La stimolazione gustatoria è stata evocata facendo succhiare succo di limone; sono stati valutati su ciascuna emifaccia, usando la controlaterale come controllo, temperatura e colore della pelle, quantità di sudore e superficie interessata. Dopo aver demarcato l'area di cute interessata, mediante una griglia guida formata da quadrati di 1 cm2, la tossina botulinica è stata introdotta per via intradermica. Nei pazienti del 1° gruppo, con sintomatologia lieve, sono stati infiltrate 20 U (0,4 ml) di tossina; nei pazienti del 2° gruppo, con sintomatologia più significante, 75 U (1,5 ml).
Risultati. In tutti i pazienti trattati, l'iniezione di tossina botulinica ha indotto una completa scomparsa o un deciso miglioramento della sintomatologia. I controlli sono stati effettuati in 4° e 7° giornata, a un mese, a 3 mesi e a ogni trimestre successivo per 2 anni. Non si sono osservati effetti collaterali. La durata della remissione dei sintomi è apparsa direttamente dipendente dal dosaggio somministrato. I pazienti del 1° gruppo hanno riportato una remissione sintomatologica di 9±2 mesi, quelli del 2° gruppo 16±4 mesi. Alla scomparsa dell'effetto, la tossina botulinica può essere nuovamente somministrata con un effetto alle stesse dosi che è più duraturo della prima volta.
Conclusioni. Il trattamento con iniezione intradermica di tossina botulinica di tipo A appare semplice, efficace, attendibile, veloce e totalmente privo dei maggiori effetti indesiderati.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail