Ricerca avanzata

Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2004 Ottobre;17(5) > Chirurgia 2004 Ottobre;17(5):165-8

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOCHIRURGIA

Rivista di Chirurgia

Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0394-9508

Online ISSN 1827-1782

 

Chirurgia 2004 Ottobre;17(5):165-8

 ARTICOLI ORIGINALI

Trattamento della ragade anale mediante sfinterotomia laterale sottocutanea

Busacca G., Interlandi A.

Obiettivo. La ragade anale (RA) è una patologia assai diffusa. Il trattamento chirurgico della RA è stato oggetto di molti studi ed è stato affrontato da molti Autori. L'intervento chirurgico, che merita attenzione e che ha dato ottimi risultati per la cura della ragade anale, è la sfinterotomia posterolaterale interna a cielo chiuso.
Metodi. Gli Autori dal giugno 2001 al novembre 2003 hanno trattato con sfinterotomia posterolaterale 32 pazienti (20 di sesso femminile, pari al 62,5%, e 12 di sesso maschile, pari al 37,5%). I pazienti operati sono stati tutti intervistati tramite un questionario dopo 1 mese.
Risultati. L'analisi dei risultati ha evidenziato una minima percentuale di pazienti con dolore postoperatorio. L'incontinenza alle feci e/o ai gas, complicazione assai temibile, non si è rilevata in nessun caso. Si è manifestato sanguinamento postoperatorio (nell'arco del mese) in 2 casi, pari al 6,4%. L'ematoma postoperatorio nella sede dell'incisione si è rilevato in 4 pazienti, pari al 12,9%. Abbiamo rilevato 1 caso di ascesso postoperatorio nella sede dell'incisione, pari al 3,2% (risoltosi con terapia medica). Infine, in 2 casi si è evidenziato pruritus ani, pari al 6,4% e in 5 casi soiling, pari al 16,1%.
Conclusioni. Le complicanze riscontrate sono assai basse e non abbiamo riscontrato l'incontinenza, che è la complicanza più terribile. Il reinserimento nel contesto lavorativo è stato rapido.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina