Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2004 October;17(5) > Chirurgia 2004 October;17(5):161-4

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia 2004 October;17(5):161-4

lingua: Italiano

Le microcalcificazioni mammarie. Analisi di una casistica selezionata di carcinomi duttali in situ della mammella

Costanzo M., Caruso L. A. M., Veroux M., Messina D. C., Catalano F., Cavallaro A., Cannizzaro M. A.


Full text temporaneamente non disponibile on-line. Contattaci  


Obiettivo. Lo scopo del nostro lavoro è dimostrare se la valutazione radiomorfologica delle calcificazioni mammarie sia idonea a poter discernere con accettabile sicurezza le lesioni maligne da quelle benigne.
Metodi. Dal gennaio 2000 al dicembre 2002 sono stati selezionati 30 casi di microcalcificazioni mammarie <> per carcinoma mammario, valutate con biopsia chirurgica mirata. L'esame mammografico ha messo in evidenza la presenza di microcalcificazioni <> a morfologia e densità radiologica irregolare. Dodici casi sono stati sottoposti a reperaggio stereotassico con filo metallico posizionato sotto guida mammografica, mentre le altre 18 pazienti sono state sottoposte alla ROLL (Radioguided Occult Lesion Location).
Risultati. Lo studio istomorfopatologico estemporaneo, eseguito in tutti i casi, ha evidenziato la presenza di carcinoma duttale in situ in 9 pazienti, mentre nei rimanenti 21 casi la biopsia ha avuto anche un ruolo terapeutico in quanto si trattava di lesioni benigne.
Conclusioni. Gli Autori sottolineano l'utilità dello studio di tali microcalcificazioni per riuscire a indirizzare quelle lesioni mammarie <> verso l'esecuzione di una biopsia mirata e a evitare inutili interventi chirurgici per quelle lesioni mammarie diagnosticate come sicuramente benigne.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail