Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2004 April;17(2) > Chirurgia 2004 April;17(2):51-4

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia 2004 April;17(2):51-4

lingua: Italiano

L'irrigazione nella riabilitazione del paziente colostomizzato. Esperienza personale e revisione della letteratura

Calò P. G., Manca A., Malloci A., Nicolosi A.


PDF  


Obiettivo. La presenza di una colostomia rappresenta per il paziente un grosso problema medico, psicologico ed estetico. I metodi usati per gestire e riabilitare il paziente colostomizzato sono 2: le evacuazioni naturali e l'irrigazione. Questo studio si propone di valutare i risultati ottenuti con la metodica dell'irrigazione in una esperienza personale.
Metodi. Oggetto dello studio sono stati 100 pazienti colostomizzati (65 di sesso maschile e 35 di sesso femminile, di età media 58,5 anni, range 26-78, 45 sottoposti ad amputazione addomino-perineale, 55 a intervento di Hartmann. Trentotto pazienti sono stati avviati a4 irrigazione a circa 1 mese dall'intervento.
Risultati. Tra i pazienti irrigati, 4 (10,5%) hanno ottenuto una continenza di 24 ore, 33 (86,9%) di 48 ore e 1 (2,6%) di 72 ore. La durata della procedura è stata di 45-60 minuti. Nessuno dei 38 pazienti ha avuto complicanze, 8 (21%) hanno segnalato modeste perdite di gas e odori. I pazienti non irrigati hanno avuto 1 o 2 movimenti intestinali giornalieri nel 30,6% dei casi, 3 o 4 nel 33,9% e 5 o più nel 35,5%. Perdita di gas ed emissione di odori sgradevoli sono stati riscontrati nel 48,4% dei casi, complicanze cutanee e dermatiti nel 32,3%.
Conclusioni. I risultati ottenuti dimostrano che l'irrigazione è un metodo di controllo dell'evacuazione che dà ottimi risultati, sicuro, semplice e privo di complicanze, determina un notevole miglioramento della qualità di vita e un risparmio economico per il paziente e la comunità.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail