Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2004 February;17(1) > Chirurgia 2004 February;17(1):27-30

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

CASI CLINICI  


Chirurgia 2004 February;17(1):27-30

lingua: Italiano

Su di un raro caso di neoformazione cistica del piccolo epiploon: cisti omentale o duplicazione gastrica?

Gelmini R., Tazzioli G., Farinetti A., Saviano M.


PDF  


Le cosiddette cisti mesenteriche e omentali, a sviluppo nelle compagini dei relativi foglietti peritoneali, costituiscono lesioni di riscontro non frequente ma che meritano di essere tenute presenti in caso di processo espansivo addominale per le problematiche diagnostiche e terapeutiche che esse presentano. Si tratta di reperti spesso occasionali o caratterizzati da una sintomatologia aspecifica e da quadri ecografici e radiologici d'interpretazione non univoca. La diagnosi della loro natura raramente è posta preoperatoriamente ma quasi sempre solo al momento del riscontro anatomo-chirurgico. Il loro trattamento, di norma volto a un'exeresi radicale, può porre problematiche legate alla loro localizzazione e natura. Lo stesso inquadramento nosologico non è sempre d'univoca interpretazione anche al riscontro istopatologico. Gli Autori riportano un caso di formazione cistica localizzata in regione sovramesocolica tra fegato e stomaco, sottolineando le difficoltà diagnostiche legate a un quadro clinico e radiologico di non univoca interpretazione e non dirimente per una diagnosi preoperatoria di pseudocisti pancreatica o di cisti di altra origine. Il riscontro intraoperatorio escludeva l'ipotesi di una pseudocisti pancreatica orientando verso una duplicazione cistica enterica indovata nello spessore del piccolo epiploon, originatasi dalla parete della piccola curva gastrica e della giunzione gastro-esofagea dai cui piani muscolari appariva indissociabile. Si procedeva a un'exeresi radicale della neoformazione con resezione parziale della piccola curva e della giunzione gastroesofagea. L'esame istopatologico, tuttavia, a dimostrare le difficoltà di un inquadramento nosologico univoco, appariva discordante con l'ipotesi di una duplicazione in relazione all'assenza di un rivestimento epiteliale nel lume della neoformazione.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail