Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2004 February;17(1) > Chirurgia 2004 February;17(1):23-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

CASI CLINICI  


Chirurgia 2004 February;17(1):23-6

Copyright © 2004 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Tumore stromale dell’intestino tenue. Caso clinico con diagnosi preoperatoria

Calati A. M., Moneghini L., Meda S., Schubert L.


PDF  


Gli Autori presentano un caso clinico di tumore stromale gastrointestinale (gastrointestinal stromal tumor, GIST) a sede medio-ileale, insorto in un paziente di sesso maschile, di razza caucasica di 51 anni. Diagnosi TC, in corso di follow-up di addensamento polmonare rivelatosi flogistico, di neoformazione apparentemente della parete addominale anteriore a sviluppo endoperitoneale, paramediana sinistra. Un'agobiopsia ecoguidata transparietale ha consentito di ottenere preoperatoriamente la diagnosi di GIST con caratteristiche di benignità. Il trattamento chirurgico è consistito in una resezione segmentaria medio-ileale eseguita per via minilaparotomica. L'esame istologico definitivo ha confermato la diagnosi e anche le caratteristiche di benignità. A 18 mesi dall'intervento nessun segno di ripresa di malattia. Vengono considerate la classificazione e le caratteristiche patologiche, istologiche e immunoistochimiche dei GIST. Il dato più saliente è la diagnosi ottenuta preoperatoriamente mediante agobiopsia ecoguidata transparietale, senza complicazioni nonostante l'impiego di una metodica normalmente non praticabile nelle lesioni degli organi cavi. All'esame istologico definitivo, conferma della diagnosi; nonostante la scarsa differenziazione il giudizio di benignità è stato basato sulle seguenti caratteristiche: piccole dimensioni; assenza di atipie cellulari, necrosi, emorragie; basso indice mitotico. I dati del follow-up confermano per ora la benignità della lesione. Caso clinico di una neoplasia rara, soprattutto a sede ileale, con la caratteristica apparentemente unica della diagnosi preoperatoria ottenuta mediante agobiopsia transparietale. Nonostante le caratteristiche di benignità, sembra essere opportuno un follow-up a tempo indeterminato.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail