Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2004 Febbraio;17(1) > Chirurgia 2004 Febbraio;17(1):19-22

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia 2004 Febbraio;17(1):19-22

lingua: Inglese

Long-term results of videothoracoscopic pericardial fenestration for persistent or recurrent effusions

Cecere C., Fraioli G., Cicalese M., Maietta P., Liberti D.


PDF  


Obiettivi. Abbiamo selezionato 27 pazienti con versamento pericardico, già trattati con pericardiocentesi o catetere percutaneo, per studiare la validità dei risultati della finestra pericardica eseguita mediante videotoracoscopia (FPVT).
Metodi. L'ecocardiogramma e la tomografia computerizzata (TC) sono stati impiegati per lo studio dei versamenti pericardici, della patologia pleurica associata e per la scelta del lato della videotoracoscopia. L'ecocardiogramma è stato ripetuto dopo 3 mesi dall'intervento.
Risultati. La FPVT è stata eseguita in 27 pazienti. Quindici pazienti (55%) erano stati trattati con catetere percutaneo, 2 (7%) mediante pericardiocentesi e 1 (4%) con finestra pericardica per via sottoxifoidea. L'ecocardiogramma ha evidenziato versamenti pericardici saccati in 10 pazienti (37%). In 14 pazienti (52%) la TC ha identificato patologie pleuriche associate. In 7 pazienti (26%) con versamento pleurico maligno è stata eseguita la pleurodesi con talcaggio. La durata della FPVT è stata di 50 minuti (35-65). Non si sono avute complicanze. Dopo l'intervento, l'ecocardiogramma ha evidenziato una recidiva del versamento (4%). In tutti i pazienti la sintomatologia è migliorata. Durante un follow-up medio di 48 mesi (14-29), eseguito in 18 dei 19 pazienti con versamento pericardico benigno, l'ecocardiogramma ha evidenziato la recidiva del versamento in un altro paziente. Non ci sono state recidive nei pazienti trattati con talcaggio pleurico.
Conclusioni. La FPVT è un'eccellente modalità di trattamento nei pazienti con versamenti pericardici o recidivi già trattati mediante pericardiocentesi o catetere percutaneo e in quelli con patologia pleurica associata. Durante un lungo periodo di tempo il follow-up ha dimostrato la validità e la stabilità dei risultati ottenuti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail