Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2003 June;16(3) > Chirurgia 2003 June;16(3):125-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

CASI CLINICI  


Chirurgia 2003 June;16(3):125-6

lingua: Italiano

Linfoma primitivo della tiroide

Interlandi A., Busacca G.


PDF  


Il linfoma primitivo della tiroide (LPT) è una neoplasia mesenchimale molto rara nell'ambito della patologia tiroidea maligna, con una frequenza che va dallo 0,6 al 2-2,5%. Gli Autori descrivono un caso di linfoma tiroideo occorso alla loro osservazione nel febbraio del 2001. La malattia si è presentata in modo tipico con un rapido aumento di volume del collo. Si trattava di una paziente nella VI decade di vita. È stata sottoposta ad indagini strumentali, quali la scintigrafia tiroidea, l'ecografia del collo e la TAC total body. Un ruolo importante, ai fini diagnostici, è rivestito dalla citologia con ago solo superfine senza aspirazione (FNWA), il cui referto propendeva per una neoplasia maligna di tipo linfoide. La paziente fu sottoposta a intervento chirurgico di tiroidectomia totale, che permise una diagnosi corretta e certa, una stadiazione del tumore e nel contempo si ottenne anche la decompressione della trachea con miglioramento della funzione respiratoria. L'esame istologico definitivo ha permesso di fare diagnosi di lifoma maligno della tiroide di tipo non-Hodgkin. La paziente, quindi, dopo l'intervento chirurgico e su consiglio dello specialista oncologo, fu sottoposta a trattamento chemio e radioterapico. A 2 anni dall'atto operatorio la paziente è viva.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail