Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2003 Aprile;16(2) > Chirurgia 2003 Aprile;16(2):55-62

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia 2003 Aprile;16(2):55-62

lingua: Italiano

Infezione di protesi dell'aorta addominale

Azzarone M., Tecchio T., Piccinini E., Nicolai L., Paoletti G. P., Salcuni P. F.


PDF  


Obiettivo. Scopo di questo lavoro è stato quello di confrontare l'esperienza personale nel trattamento delle infezioni protesiche aortiche mediante metodo tradizionale (bypass extra-anatomico ed espianto) con le più recenti metodiche caratterizzate da rivascolarizzazione periferica in situ. L'infezione di una protesi vascolare alloplastica rappresenta la complicanza più grave della chirurgia ricostruttiva aorto-iliaca. La soluzione chirurgica ''classica'' consiste nell'espianto della protesi infetta e nella rivascolarizzazione degli arti inferiori mediante bypass axillo-femorale bilaterale. In alternativa, sono state proposte altre soluzioni chirurgiche accomunate dalla rivascolarizzazione periferica in situ: con allograft (omotrapianto); con vena femorale superficiale autologa; con protesi sintetica pretrattata con antibiotici.
Materiali e metodi. Con la procedura chirurgica tradizionale, tra il gennaio 1986 e il dicembre 2001, presso l'Unità Operativa di Chirurgia Vascolare dell'Università di Parma, sono stati trattati 15 pazienti di cui 6 con concomitante fistola protesico-duodenale (FPD).
Risultati. La mortalità operatoria a 4 mesi è stata di 6 casi su 15 (40%), nettamente più alta nei casi con FPD (4/6: 66,6%) che nei casi senza FPD (2/9: 22,2%). Nonostante 3 reinfezioni protesiche e 1 trombosi dell'extra-anatomico, il ''salvataggio d'arto'' a 4 mesi è stato pari al 100%.
Conclusioni. L'esperienza descritta conferma l'estrema gravità dell'infezione di protesi aortica. La scelta chirurgica classica adottata dagli Autori rimane verosimilmente la migliore nei casi più gravi (paziente in stato di shock; intervento eseguito in emergenza). Negli altri casi (infezioni fruste; paziente stabile) possono essere prese in considerazione le più recenti opzioni terapeutiche in situ con particolare attenzione alla ricostruzione con vena femorale autologa.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail