Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2003 April;16(2) > Chirurgia 2003 April;16(2):49-50

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia 2003 April;16(2):49-50

Copyright © 2003 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Surgical treatment of hepatic hydaticv cysts

Busic Z., Lovric Z., Stipancic I., Busic D., Lovric L.


PDF  


Obiettivi. L'echinococcosi epatica rappresenta una patologia endemica nella regione del Mediterraneo, che comporta seri rischi per la prognosi dei pazienti. Dal momento che non è noto alcun agente farmacologico in grado di eliminare il parassita, il trattamento della malattia è tuttora di pertinenza chirurgica. Questo studio dimostra che la resezione chirurgica radicale della cisti idatidea del fegato accompagnata da trattamento preoperatorio con albendazolo costituisce la metodica terapeutica di elezione.
Metodi. È stato condotto uno studio retrospettivo di 19 pazienti operati per echinococcosi epatica durante un periodo di 3 anni presso il Durava University Hospital di Zagabria. Fra di essi, 14 pazienti sono stati trattati in fase preoperatoria con albendazolo. Su 10 pazienti è stata effettuata una pericistectomia parziale, mentre sugli altri 9 è stata effettuata una cisto-pericistectomia totale.
Risultati. Non si è verificato alcun decesso. Nel 1° gruppo sono stati osservati 2 casi di recidive postoperatorie e 1 caso di peritonite, mentre nel 2° gruppo non è stata osservata alcuna complicanza postoperatoria dopo un follow-up di 1,5-3 anni.
Conclusioni. Pur tenendo in considerazione l'esiguo numero di pazienti in studio, riteniamo che la cisto-pericistectomia totale preceduta da trattamento con albendazolo rappresenti la metodica di elezione, nonché una terapia sicura, per la cisti idatidea del fegato.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail