Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2002 December;15(6) > Chirurgia 2002 December;15(6):173-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia 2002 December;15(6):173-6

lingua: Italiano

Complicanze postoperatorie nella plastica erniaria protesica: PHS vs ''Mesh Plug''

Vasquez G., Zandi G., Buonanno A.


Full text temporaneamente non disponibile on-line. Contattaci  


Introduzione. Lo scopo dello studio consiste nel valutare se le complicanze postoperatorie possano essere conseguenti alla tecnica chirurgica o al dispositivo protesico impiegato, relativamente a 2 gruppi non selezionati di pazienti sottoposti a plastica erniaria protesica con PHS® e con impianto «Mesh & Plug».
Metodi. È stata effettuata un'analisi prospettica dell'esito e delle complicanze postoperatorie tra un primo gruppo di 377 impianti «Mesh & Plug» eseguiti su 368 pazienti non selezionati (310 maschi e 58 femmine) con un'età media di 66 anni (range 18-84) con un follow-up della durata media di 18 mesi (da 2 a 66) e un secondo gruppo di 91 interventi con dispositivi PHS® (77 inguinali e 14 femorali, che rappresentavano l'87,5% della totalità degli impianti) eseguiti su 83 pazienti non selezionati (70 maschi e 13 femmine), con un'età media di 64,4 anni (range 27-94) con un follow-up della durata media di 11 mesi (da 30 giorni a 41 mesi).
Risultati. Dai nostri risultati preliminari emerge la presenza di complicanze postoperatorie solamente nel 4,8% degli interventi con dispositivi PHS®, mentre con la tecnica «Mesh & Plug» si osserva una frequenza di complicanze postoperatorie 2 volte maggiore (un 9% cumulativo di disturbi con nevralgia permanente a distanza di oltre 1 anno dall'intervento di impianto protesico nell'1,4% dei pazienti).
Conclusioni. La frequenza delle complicanze postoperatorie 2 volte maggiore con la tecnica «Mesh & Plug» può essere attribuita al più largo impiego di materiale protesico impiantato e al suo ancoraggio con punti di sutura. Di fatto, noi utilizziamo la tecnica «Mesh & Plug» per il trattamento di piccoli difetti di parete (Gilbert I e V), mentre preferiamo l'impianto del dispositivo PHS® in ampi difetti di parete o del canale femorale (Gilbert II, VI e VII).

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail