Ricerca avanzata

Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2002 Agosto-Ottobre;15(4-5) > Chirurgia 2002 Agosto-Ottobre;15(4-5):163-68

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOCHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

Chirurgia 2002 Agosto-Ottobre;15(4-5):163-68

 CASI CLINICI

Colecistite eosinofila: analisi della letteratura a proposito di un caso clinico

Urbano V., Soda G., Lorusso R., Leonetti G., Nardoni S., Covotta A., Luzzatto L., Bezzi M.

La colecistite eosinofila è una condizione infiammatoria rara e ancora poco conosciuta.
La sua caratteristica principale è la presenza di un infiltrato infiammatorio transmurale costituito soprattutto da granulociti eosinofili.
L'eziopatogenesi di questa condizione è attualmente sconosciuta anche se è stato ipotizzato possa essere in relazione con la gastroenterite eosinofila, con la diatesi allergica con infiltrazione di altri organi, con alcune infezioni parassitarie, con la colelitiasi, con il trattamento con alcuni tipi di farmaci o con la reazione ad elementi anormali della bile.
La colecistite eosinofila rappresenta oggi un'istotipo specifico che si differenzia dagli altri tipi di colecistite e che probabilmente necessiterà di un differente approccio terapeutico specialmente in assenza di calcoli.
Abbiamo riportato un caso di colecistite eosinofila in una paziente affetta da colica biliare accompagnata da febbre e leucocitosi e sofferente già da tempo di dermatite atopica accompagnata talvolta da reazioni immunologiche ai disinfettanti (iodio-derivati) e alla terapia antibiotica (chinolonici) manifestatesi anche in prossimità del ricovero.

lingua: Inglese, Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina