Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2001 Febbraio;14(1) > Chirurgia 2001 Febbraio;14(1):55-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

RAPPORTI CLINICI  


Chirurgia 2001 Febbraio;14(1):55-8

lingua: Italiano

Metastasi da seminoma (Un particolare caso clinico)

Campanelli G., Bastazza M., Ruca A., Senni Buratti M., Casirani R., Nicolosi F. M.


PDF  


Nell'ambito delle neoplasie testicolari uno dei principali fattori di rischio, universalmente riportato dalla letteratura internazionale, è il criptorchidismo non corretto chirurgicamente entro il V anno di vita. Gli Autori descrivono un particolare caso di metastasi linfonodale a livello inguinale da seminoma testicolare in un paziente operato 14 anni addietro con un intervento di ernioplastica inguinale secondo Bassini e di orchipessia omolaterale per criptorchidismo. Il paziente, valutato come stadio II avanzato, è stato sottoposto ad intervento di orchiectomia inguinale radicale e poi a chemioterapia con PEB; sia subito dopo l'intervento chirurgico sia al momento attuale (dopo la chemioterapia) tutti i parametri di controllo sono risultati negativi. Gli Autori da un lato si prefiggono l'obiettivo di esaminare attentamente la limitata diffusione metastatica della neoplasia in considerazione del sovvertimento anatomico delle vie di drenaggio linfatico della regione, dovuto alle modificazioni apportate dal pregresso intervento chirurgico; dall'altro lato ribadiscono negli stadi avanzati l'importanza e l'insostituibilità della chemioterapia che prenda in considerazione oltre ai parametri TNM anche il parametro S. Essi concludono sostenendo l'importanza di avviare programmi di controllo e di autopalpazione dei testicoli di pazienti a rischio, e in particolare in quelli sottoposti a orchipessia.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail