Ricerca avanzata

Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2001 Febbraio;14(1) > Chirurgia 2001 Febbraio;14(1):17-20

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOCHIRURGIA

Rivista di Chirurgia

Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0394-9508

Online ISSN 1827-1782

 

Chirurgia 2001 Febbraio;14(1):17-20

 ARTICOLI ORIGINALI

Emorroidectomia. Analisi di un confronto, Milligan-Morgan versus Ferguson

Carrabetta S., Nikzat K., Guardini R., Segre D.

Obiettivo. Le tecniche chirurgiche proposte per l'intervento di emorroidectomia possono essere suddivise in: tecniche aperte sec. Milligan-Morgan e tecniche chiuse sec. Ferguson. Obiettivo dello studio è stato valutare quale delle due tecniche chirurgiche consentiva una più rapida guarigione sia clinica che anatomica.
Metodi. Gli autori mettono a confronto, in uno studio randomizzato 103 pazienti, 56 uomini e 47 donne, affetti da emorroidi di III e IV grado, sottoposti in parte, gruppo I (51 pazienti), a emorroidectomia chiusa sec. Ferguson e in parte, gruppo II (52 pazienti), a emorroidectomia aperta sec. Milligan-Morgan.
Risultati. Tra le complicanze sono state riportate: 8 casi di sanguinamento, 11 casi di ritenzione urinaria, 12 casi di deiscenza parziale della ferita e 9 casi di sub-stenosi anale. Dal confronto tra le due tecniche chirurgiche non sono emerse delle differenze significative per quanto riguarda il dolore, il tempo di ospedalizzazione, la canalizzazione e la guarigione della ferita chirurgica, l'unico parametro che è risultato statisticamente significativo (p<0,001) è stato il tempo operatorio.
Conclusioni. Entrambe le metodiche hanno consentito il raggiungimento della guarigione clinica e anatomica dalla malattia emorroidaria, la scelta della metodica chirurgica è stata dettata sia dal dato obiettivo che dall'inclinazione del chirurgo.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina