Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2001 Febbraio;14(1) > Chirurgia 2001 Febbraio;14(1):13-6

ULTIMO FASCICOLOCHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia 2001 Febbraio;14(1):13-6

lingua: Italiano

Splenectomia laparoscopica nel trattamento dei disordini ematologici della milza (Nostra esperienza in pazienti adulti e pediatrici)

Romano F., Caprotti R., Porta G., Franciosi C., Musco F., Colombo G., Real G., Uggeri F.


PDF  ESTRATTI


Obiettivo. La splenectomia per via laparoscopica ha ottenuto negli ultimi anni un crescente successo nel trattamento di patologie della milza, prevalentemente di pertinenza ematologica. In questo lavoro riportiamo la nostra esperienza riguardante 23 pazienti.
Metodi. L'età media era di 21 anni (intervallo 5-49) con un rapporto maschi:femmine di 1:3. Le indicazioni all'intervento sono state le seguenti: in 10 casi la porpora idiopatica trombocitopenica (ITP), in 8 la sferocitosi ereditaria, in 2 il morbo di Cooley ed in uno ciascuno l'anemia a cellule falciformi, l'anemia di seritropoietica e l'anemia emolitica. È stata utilizzata la tecnica a paziente supino con 4 trocar. In nessun caso si è proceduto ad embolizzazione preoperatoria dell'arteria splenica. Durante l'intervento si è proceduto a dissezione del polo inferiore della milza e dei suoi legamenti posterolaterali, utilizzando l'elettrocoagulatore e le endoclip. Successivamente è stato sezionato l'Ilo con una EndoGIA e la milza è stata rimossa dopo essere stata posizionata in un EndoBag (19 casi) o attraverso una piccola incisione sottocostale sinistra (4 casi).
Risultati. In 2 casi (7%) è stato necessario convertire l'intervento, a causa di un sanguinamento dell'ilo splenico non dominabile per via laparoscopica nel primo caso e per un errore tecnico (lesione della milza accidentale) nel secondo. La durata media dell'intervento è stata di 150 minuti (intervallo 90-240), le dimensioni medie della milza erano di 13,5 cm (intervallo 11-20) con un peso compreso fra i 140 ed i 1060 grammi. Le perdite ematiche medie sono state di 140 mL (intervallo 75-280) e nessun paziente ha richiesto trasfusioni intra o postoperatorie. La degenza media è stata di 3,5 giorni (intervallo 3-8) e si sono verificate 2 complicanze postoperatorie minori (7%).
Conclusioni. Considerando il basso tasso di complicanze, i vantaggi correlati al ridotto trauma chirurgico e gli ottimi risultati estetici, riteniamo la splenectomia laparoscopica sicura ed efficace nel trattamento dei disordini ematologici della milza

inizio pagina