Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2000 August;13(4) > Chirurgia 2000 August;13(4):201-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia 2000 August;13(4):201-6

lingua: Italiano

Problematiche cliniche e attuali principi terapeutici nelle radiodermiti e radionecrosi

Bocchi A., Merelli S., Papadia F., Caleffi E., Papadia F.


PDF  


Obiettivo. Le radiodermiti e radionecrosi rappresentano ancora patologie di frequente riscontro nella pratica clinica e la cui corretta diagnosi e risoluzione può risultare molto difficile. In questo lavoro riportiamo il nostro approccio al problema in base alla differente complessità delle lesioni rilevando l'importanza dell'apporto di tessuti ben vascolarizzati per la risoluzione delle lesioni.
Metodi. Nel periodo 1987-1997 abbiamo trattato presso la Divisione di Chirurgia Plastica di Parma 56 casi di patologie da radiazioni di cui 3 forme acute seguite ambulatorialmente senza richiedere intervento chirurgico e 53 forme croniche che hanno comportato degenza e interventi ricostruttivi di diversa natura e complessità: da lembi cutanei di vicinanza a lembi fascio-cutanei e muscolo-cutanei a ciclopizzazione della mammella controlaterale fino a lembi di epiploon.
Risultati. Tali metodiche ci hanno consentito di ottenere ottimi risultati il cui raggiungimento è scaturito oltre che da una corretta esecuzione tecnica soprattutto da una accurata valutazione clinica della lesione di partenza. La complicanza più frequentemente riscontrata nella nostra esperienza clinica è rappresentata dalla diastasi della sutura e dal mancato attecchimento del lembo utilizzato (3 casi) a testimonianza della difficoltà dei tessuti irradiati, anche se macroscopicamente sani, di riacquisire un trofismo adeguato.
Conclusioni. Sulla base della nostra esperienza e della letteratura riteniamo che il complesso problema delle radiodermiti e radionecrosi debba avere un approccio multidisciplinare, stimolare la prevenzione ed avere un trattamento differenziato tra forme croniche, essenzialmente chirurgico, e forme acute in cui un adeguato trattamento medico può essere risolutivo.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail