Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2000 August;13(4) > Chirurgia 2000 August;13(4):191-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia 2000 August;13(4):191-6

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

La riparazione laparoscopica dell’ernia inguinale (Nostra esperienza e revisione della letteratura)

Pisani Ceretti A., Sacchi E., Pozzi G., Magni C., Confalonieri M., Crema G.


PDF  


Il trattamento laparoscopico dell'ernia inguinale può essere condotto con tre tipi di tecnica: approccio transperitoneale e posizionamento di protesi intraperitoneale (Intra Peritoneal Onlay Mesh o IPOM), approccio extraperitoneale e posizionamento di protesi preperitoneale (Laparoscopic Extra Peritoneal o LEP), approccio trans-peritoneale e posizionamento di protesi preperitoneale (Transabdominal Approach with Preperitoneal Prosthesis o TAPP). La TAPP e la LEP sono le due metodiche che al momento hanno fornito i migliori risultati.
Dal settembre 1997 al giugno 1999 abbiamo eseguito 72 riparazioni erniarie laparoscopiche con tecnica TAPP in 43 pazienti (41 uomini e 2 donne), con età media di 57,3 anni (range 29-76 anni). Delle 72 ernie, 29 erano bilaterali e 13 recidive. Abbiamo riscontrato 45 ernie indirette (62,5%), 25 dirette (34,7%) e 2 femorali (2,8%). Tutti gli interventi sono stati condotti in anestesia generale, posizionando una protesi in prolene di 8x13 cm, fissata lungo il suo margine superiore ed in corrispondenza del legamento di Cooper. La durata media dell'intervento chirurgico è risultata di 80 minuti per le ernie monolaterali e di 140 minuti per quelle bilaterali. In 2 casi è stato necessario convertire l'intervento in chirurgia aperta. Le complicanze postoperatorie sono state 3, due minori (neuralgie inguino-crurali) ed una maggiore (ematoma inguino-scrotale). La degenza media è stata di 3,4 giorni. Le 3 recidive osservate si sono manifestate tutte entro un mese dall'intervento e sono tutte relative all'inizio della nostra esperienza. Il follow-up medio è risultato di 9,1 mesi (range 1-21 mesi),
Riteniamo che la TAPP sia in grado di riparare tutti i tipi di ernia inguinale e che sia particolarmente indicata nei casi di bilateralità, di recidiva e di associazione con altre patologie intra-addominali trattabili con approccio laparoscopico.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail