Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2000 April;13(2) > Chirurgia 2000 April;13(2):113-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

RAPPORTI CLINICI  


Chirurgia 2000 April;13(2):113-6

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Metastasi ileale da melanoma a sede primitiva ignota (Presentazione di un caso clinico e revisione della letteratura)

Catena F., Tonini V., Campione O.


PDF  


Il 20-30% delle metastasi da melanoma colpisce l'apparato gastrointestinale. Il 60-70% di esse si localizza nel tenue, il 15-20% nello stomaco, il 10-20% nel colon e il 5% nell'esofago. Nell'8% dei soggetti affetti la sede primitiva del tumore non è nota ed è la metastasi che permette di diagnosticare il melanoma. In questo articolo viene riportato il caso clinico di una paziente da noi trattata per una metastasi ileale da melanoma a sede primitiva ignota e viene effettuata una revisione critica della letteratura su questo tema.
Revisione della documentazione clinica, radiologica, anatomopatologica della paziente ed analisi della letteratura su questo argomento.
La paziente è stata sottoposta a resezione ileale palliativa essendo già presenti metastasi epatiche diffuse ed è deceduta dopo due mesi per la progressione della malattia.
La terapia delle metastasi intestinali da melanoma è una terapia principalmente chirurgica: questa ha un ruolo nella palliazione di tale patologia con un miglioramento sensibile nella sopravvivenza a distanza.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail