Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2000 April;13(2) > Chirurgia 2000 April;13(2):101-4

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

RAPPORTI CLINICI  


Chirurgia 2000 April;13(2):101-4

lingua: Italiano

Il carcinoma a cellule di Markel (Revisione della letteratura e presentazione di un caso clinico)

Bonariol L., Tiso E., Biral M., Behboo R., Mascarin C., Mingardi E., Cecchetto A., Sandei F.


PDF  


Il tumore a cellule di Merkel, descritto da Toker per la prima volta nel 1972, è una neoplasia maligna primitiva della cute, di natura neuroendocrina, contraddistinta da un'elevata aggressività biologica con predisposizione alla invasione linfonodale regionale e alla disseminazione metastatica. Nonostante il trattamento chirurgico, basato sull'escissione della lesione e la radioterapia postoperatoria, la ricorrenza loco-regionale avviene nel 40-75% dei casi e la prognosi a distanza è estremamente sfavorevole (sopravvivenza a 3 anni del 55%). La presentazione clinica di questa neoplasia non è dirimente ai fini della diagnosi, che nella maggior parte dei casi è possibile solo dopo esame istologico, suffragato dall'immunoistochimica che consente di porre con certezza una diagnosi differenziale verso altre lesioni cutanee come l'emangioma, il linfoma, il melanoma nodulare, il carcinoma metastatico a piccole cellule od il neuroblastoma dell'adulto. Descriviamo un caso di carcinoma a cellule di Merkel la cui diagnosi ha rappresentato un reperto incidentale dopo asportazione di un nodulo indolente alla coscia sinistra, privo di caratteristiche cliniche di sospetto.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail