Ricerca avanzata

Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 1999 Dicembre;12(6) > Chirurgia 1999 Dicembre;12(6):457-60

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOCHIRURGIA

Rivista di Chirurgia

Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0394-9508

Online ISSN 1827-1782

 

Chirurgia 1999 Dicembre;12(6):457-60

 RAPPORTI CLINICI

Ulcera di Dieulafoy

Caputo O. J., Lippolis A., Verzillo F., Simone M., Scardigno A., Memeo V.

L'ulcera di Dieulafoy rappresenta una rara causa di emorragia digestiva.
Essa rappresenta un'entità clinica ed istopatologica ben definita, che si presenta endoscopicamente come un'arteriola aggettante nel lume senza ulcerazione della mucosa circostante.
La sua incedenza varia dallo 0,5 al 14% fra le cause di emorragia digestiva alta non da ipertensione portale.
A causa della difficoltà nella diagnostica, prevalentemente endoscopica, è gravata da una elevata mortalità. Il trattamento endoscopico sleroterapico è invece accompagnato da una elevata percentuale di successi (95%). La terapia chirurgica trova indicazione solo dopo il fallimento della terapia endoscopica.
Viene riportata la nostra esperienza di 3 casi di Dieulafoy su 287 emorragie digestive alte osservate nel periodo compreso tra il 1990 ed il 1997. In tutti i casi è stata eseguita una scleroterapia in emergenza, rivelatasi efficace in due casi. Un solo paziente è stato sottoposto ad intervento chirurgico per il ripresentarsi dell'episodio emorragico dopo la scleroterapia; anche in tal caso l'esatta individuazione dell'origine del sanguinamento ha agevolato la resezione chirurgica.
La scleroterapia endoscopica è la metodica di scelta nel trattamento dell'ulcera di Dieulafoy.
La terapia chirurgica trova indicazione solo dopo il fallimento della terapia endoscopica.

lingua: Italiano


Full text temporaneamente non disponibile on-line. Contattaci  ESTRATTI

inizio pagina