Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 1999 Dicembre;12(6) > Chirurgia 1999 Dicembre;12(6):409-14

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia 1999 Dicembre;12(6):409-14

lingua: Italiano

Anastomosi intestinali con anello bioframmentabile (La nostra esperienza)

Balzano R., Ragni F., Piccini I., Pezzola D., Pinelli D., Vittoria A., Damiani E., Vaiana R., Braga M.


Full text temporaneamente non disponibile on-line. Contattaci  


Obiettivo. Gli Autori riportano la loro esperienza nell'impiego dell'anello bioframmentabile (BAR) nelle anastomosi intestinali.
Metodi. Dal gennaio 1993 al luglio 1996 sono state effettuate 155 anastomosi intestinali con BAR in 153 pazienti: 114 tumori del colon, 24 malattie diverticolari e 15 altre malattie più rare. L'intervento chirurgico è stato eseguito in 135 casi in elezione ed in 18 casi in urgenza. In due pazienti sono state effettuate anastomosi utilizzando due BAR ciascuno.
Risultati. La mortalità perioperatoria è stata del 2,6% (4 pazienti) causata da complicanze non legate alla metodica. In 38 pazienti si sono verificate complicanze di minor gravità.
I 18 casi di ritardata canalizzazione paiono essere imputabili ai piccoli diametri dell'anello e all'inadeguata preparazione, quale si verifica negli interventi in urgenza.
Il controllo endoscopico a distanza ha dimostrato l'assenza di problemi di canalizzazione e la perfetta pervietà ed elasticità dell'anastomosi. Non è stato registrato alcun caso di stenosi anastomotica.
Conclusioni. In base alla nostra esperienza e ai dati della letteratura, l'impiego degli anelli bioframmentabili appare una tecnica rapida, efficace e sicura nell'esecuzioni delle anastomosi intestinali.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail