Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 1999 October;12(5) > Chirurgia 1999 October;12(5):339-44

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia 1999 October;12(5):339-44

Copyright © 1999 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Le complicanze nel trattamento chirurgico dei tumori del retto

De Paolis P., Fusi D., Giustetto A., Longhin R., Farina E. C.


PDF  


Obiettivo. Il presente studio ha lo scopo di analizzare i risultati emersi in quattro anni di esperienza nel trattamento chirurgico dei tumori del colon retto, con particolare attenzione allo studio delle complicanze.
Metodi. I dati relativi a 75 interventi per carcinoma del retto sono stati analizzati in modo retrospettivo. In particolare si sono considerati: sesso (66% maschi - 36% femmine), età (media 65,3), sede del tumore (retto superiore nel 33,3%, retto medio nel 25,3%, retto inferiore nel 41,3%), tipo di intervento, eventuali interventi associati, stadiazione, radioterapia preoperatoria (10,6%), complicanze intra- e postoperatorie. Due pazienti non sono stati operati per scadenti condizioni generali. Sono stati praticati 7 tipi di interventi; nella maggior parte dei casi si è trattato di resezione anteriore (57,3%) e in minor misura di amputazione addominoperineale (33,3%).
Risultati. Gli interventi con intento radicale sono stati 62 (82,6%). La degenza media è risultata essere di 15,6 giorni. La mortalità operatoria (un paziente deceduto per insufficienza multiorganica in seguito ad emorragia pre sacrale) risulta dell'1,3%. La complicanza intra operatoria più frequente e la lesione splenica con conseguente splenectomia di necessità (4 casi, 5,5%). Le complicanze postoperatorie maggiori, richiedenti un reintervento, sono 8 (11,1%): tra di esse, la deiscenza anastomotica è l'evenienza più frequente (6,8%). Le complicanze minori, risoltesi con terapia conservativa, sono 29 (38,6%); tra di esse le più frequenti sono la ritenzione urinaria e le infezioni delle vie urinarie.
Conclusioni. In conclusione si conferma come la chirurgia delle neoplasie rettali, nonostante un'alta frequenza di complicanze minori, offra un'elevata sicurezza in termini di morbilità maggiore e di mortalità operatoria.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail