Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 1999 October;12(5) > Chirurgia 1999 October;12(5):319-26

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia 1999 October;12(5):319-26

Copyright © 1999 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

La conversione laparotomica in corso di colecistectomia videolaparoscopica

, LAP Club, Gruppo Collaborativo Italiano per lo sviluppo della Chirurgia Videolaparoscopica e delle Tecniche Mininvasive 


PDF  


Obiettivo. Questo studio è un'analisi multicentrica retrospettiva delle cause di conversione laparotomica durante la colecistectomia videolaparoscopica.
Metodi. Lo studio è stato condotto mediante un questionario inviato a tutti i chirurghi campani con una esperienza >100 colecistectomie laparoscopiche.
Risultati. Su 12.718 colecistectomie videolaparoscopiche effettuate dal febbraio 1990 al novembre 1997 sono state effettuate 407 (3,2%) conversioni laparoscopiche. Le cause di conversione non correlate all'intervento di colecistectomia sono state 27 (6,6%): problemi diagnostici (n=7; 25,9%), rottura dello strumentario (n=9; 33,3%), complicanze da pneumoperitoneo (n=1; 40,8%). In questo gruppo si è verificato un decesso (0,3%) per lesione vascolare da ago di Veress. Le cause di conversione correlate all'intervento di colecistectomia sono state 380 (93,4%): aderenze (n=180; 47,6%), triangolo di Calot non dissecabile (n=76; 20%), anomalie anatomiche vascolari e biliari (n=10; 2,5%), grave patologia infiammatoria acuta o cronica (n=25; 6,7%), litiasi della VBP (n=19; 5%), cancro della colecisti (n=11; 2,8%), complicanze durante manovre di dissezione (biliari: 23,6%, vascolari: 9,4%). Mortalità assente in questo gruppo. La durata della laparoscopia prima della conversione è stata di 30±10 minuti (range 7-150). In 38 (9,3%) pazienti si è verificata una complicanza della laparotomia di conversione. In 4 di questi (10,5%) è stata necessaria una nuova laparotomia.
Conclusioni. I risultati di questo studio, presentati ai chirurghi partecipanti, ha creato una valida occasione di discussione, confermando gli ottimi risultati della colecistectomia videolaparoscopica, e sottolineando che la laparotomia di conversione è un intervento a maggior rischio di morbilità rispetto alla laparotomia ab initio.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

LAP Club, Gruppo Collaborativo Italiano per lo sviluppo della Chirurgia Videolaparoscopica e delle Tecniche Mininvasive

Corresponding author e-mail