Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 1999 August;12(4) > Chirurgia 1999 August;12(4):295-300

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia 1999 August;12(4):295-300

Copyright © 1999 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Il trattamento degli ascessi e delle raccolte fluide addominali con il drenaggio percutaneo ecoguidato (Ecografia interventistica in chirurgia generale)

Ansaldo V., Pera M., Veneroso A., Magistrelli P.


PDF  


Obiettivo. Gli Autori riportano la loro esperienza nel trattamento degli ascessi e delle raccolte fluide addominali mediante il drenaggio percutaneo ecoguidato, metodica che sta ormai progressivamente sostituendo l'intervento chirurgico tradizionale.
Metodi. Nel periodo aprile 1987 - marzo 1997 sono stati eseguiti nella nostra Divisione 47 drenaggi percutanei ecoguidati (DPE) per il trattamento di 36 ascessi ed 11 raccolte fluide addominali. I pazienti trattati sono stati 40 di cui 24 uomini e 16 donne di età compresa tra 13 e 84 anni. La tecnica adottata prevede sempre una preliminare aspirazione con ago di Chiba 22 G e successivo posizionamento, a parte 2 casi, di catetere di drenaggio introdotto sempre con la tecnica di Seldinger.
Risultati. Vengono analizzati i risultati di 47 DPE, dei quali il 47% relativi ad ascessi post operatori, descrivendo la tecnica operatoria che ha consentito di ottenere una percentuale di successo del 98% con una morbilità del 4,1%. La mortalità globale è stata del 14,5%, ma quella legata alla metodica è stata nulla. La percentuale di recidiva è stata del 2,1%.
Conclusioni. Si evidenzia l'efficacia del DPE nei confronti del trattamento chirurgico rispetto al quale il DPE presenta minore invasività, tempo di degenza e costi. In casi particolari, quali ad esempio gli ascessi pancreatici, deve essere valutata l'opportunità di ricorrere subito al drenaggio chirurgico. Viene sottolineato inoltre il fatto che l'utilizzo delle metodiche percutanee da parte dell'équipe chirurgica stessa può consentire di migliorare la prognosi di malati critici affetti da queste patologie.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail