Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 1999 June;12(3) > Chirurgia 1999 June;12(3):191-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia 1999 June;12(3):191-8

lingua: Italiano

Analisi dei costi della chirurgia resettiva del carcinoma rettale

Bozzetti F., Majno E., Bozzetti F.


PDF  


Obiettivo. Scopo di questa analisi è la valutazione dei costi di due interventi chirurgici comuni eseguiti per il carcinoma rettale: la resezione anteriore (RA) e l'amputazione per via addomino-perineale (AP).
Metodi. La metodologia per il calcolo dei costi è quella della «Activity Based Cost» che considera i servizi di cui il paziente usufruisce e che comprendono l'attività di assistenza di routine, l'attività diagnostica radiologica e di laboratorio e l'attività della sala operatoria. Per taluni costi (personale medico, esami di laboratorio e di radiologia, di funzionamento della sala operatoria, ecc.) si è fatto riferimento ai dati forniti dalla Direzione Sanitaria sulla base della contabilità analitica o a modelli di riferimento standard. Per altri (es.: i farmaci), i costi sono stati imputati direttamente ai pazienti sulla base del consumo effettivo. I pazienti oggetto di studio sono stati 32, di cui 16 sottoposti a RA e 16 ad AP, interventi con decorso postoperatorio senza complicanze.
Risultati. I costi totali legati ai due interventi sono risultati esser di lire 10.719.195 per le RA e di lire 7.858.072 per le AP. Il rimborso DRG è risultato essere per entrambi gli interventi di lire 7.702.000, quindi con un bilancio quasi in pari solo per le AP, purché il decorso postoperatorio avvenga senza complicanze di rilievo.
Conclusioni. Il rimborso DRG è da considerarsi insufficiente per il trattamento chirurgico del carcinoma del retto ‹ tanto più che l'intervento preferito dai pazienti (che vogliono evitare un ano preternaturale) e verso cui si orientano i chirurghi è la RA. Una contrazione della durata della degenza preoperatoria potrebbe portare ad un risparmio del 5-10% sul costo complessivo, ma globalmente il finanziamento pubblico così come si presenta mal si presta a compensare l'attività scientifica di Istituti di ricerca ove lo studio è parte integrante della cura.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail