Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 1999 Giugno;12(3) > Chirurgia 1999 Giugno;12(3):173-80

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia 1999 Giugno;12(3):173-80

lingua: Italiano

Tumori non resecabili della testa del pancreas e della regione periampollare: quale palliazione? (Evoluzione negli ultimi 27 anni)

Nardello O., Uccheddu A., Cagetti M.


PDF  


Obiettivo. Il miglioramento delle metodiche per immagini nello studio del pancreas e della regione periampollare non ha consentito un aumento del numero degli interventi ad intento radicale e l'introduzione di tecniche radiologiche ed endoscopiche di tipo interventistico hanno reso più ampia la scelta del tipo d'intervento palliativo.
Metodi. Gli Autori riportano la loro esperienza su 108 pazienti con tumori non resecabili della testa del pancreas e della regione periampollare osservati negli ultimi 27 anni, allo scopo di valutare quale sia l'atteggiamento terapeutico più idoneo.
Risultati. Essi ritengono che il drenaggio biliare esterno temporaneo non abbia alcuna influenza sull'incidenza delle complicanze post-operatorie e quindi possa essere abbandonato.
In molti casi solo con la laparotomia esplorativa si può determinare l'effettiva estensione del tumore e avere la certezza dell'impossibilità di un intervento radicale.
L'epaticodigiunostomia e la colecistodigiunostomia, nei pazienti in peggiori condizioni generali, garantiscono la migliore palliazione dell'ittero con il minor numero di complicanze e la più breve degenza postoperatoria. La gastrodigiunostomia è consigliata quando esista l'evidenza di un'ostruzione duodenale in atto o nell'immediato futuro.
Conclusioni. Le metodiche di radiologia ed endoscopia interventistica sono indicate in quei pazienti, sicuramente non resecabili, che presentano un rischio chirurgico proibitivo ed una breve aspettativa di vita.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail