Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 1999 April;12(2) > Chirurgia 1999 April;12(2):111-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia 1999 April;12(2):111-8

Copyright © 1999 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Il controllo locale della malattia dopo amputazione e resezione anteriore bassa per cancro del retto extraperitoneale

Secco G. B., Fardelli R., Davini M. D., Bonfante P., Baldi E., Canaletti M., Fornaro R., Ferraris R.


PDF  


Obiettivo. Nel trattamento chirurgico del cancro del retto extraperitoneale, le tecniche chirurgiche demolitive della funzione sfinterica e quelle conservative sembrano fornire risultati sovrapponibili in termini di sopravvivenza a distanza. Più controversa rimane la problematica relativa al controllo locale della malattia dopo resezione anteriore bassa. Scopo del contributo è quello di analizzare quale influenza ha esercitato l'utilizzazione delle suturatrici meccaniche sulla condotta dei chirurghi e sul controllo locale della malattia in confronto alle resezioni manuali ed alla tecnica di Miles.
Metodi. 264 pazienti con cancro del retto extraperitoneale, osservati dal gennaio 1975 al dicembre 1995 e sottoposti a chirurgia curativa, sono stati suddivisi in due gruppi, relativamente all'anno (1981) di introduzione delle suturatrici automatiche nel nostro Istituto. Sono stati analizzati l'incidenza delle resezioni anteriori basse, della mortalità operatoria e, mediante la costruzione di curve attuariali, l'incidenza dei pazienti liberi da malattia locale, relativamente al tipo di tecnica chirurgica, al grado di penetrazione parietale dei tumori (T), allo stato dei linfonodi (N) ed alla clearance distale nei casi resecati („2 cm e <2 cm).
Risultati. L'uso delle suturatrici meccaniche ha indotto un incremento significativo delle tecniche conservative (p<0,001) ed una riduzione della mortalità operatoria. I pazienti sottoposti ad amputazione del retto hanno una minore significativa incidenza di recidive locali in confronto alle resezioni basse con sutura manuale (p<0,05). Nei casi T3 e N+ la differenza nel tasso di recidiva locale tra amputazione e resezione anteriore bassa con suturatrice non risulta statisticamente significativa. Un efficace controllo locale si è osservato nei pazienti resecati meccanicamente anche con margine distale <2 cm. I risultati indicano che la Miles conferma la sua efficacia; ma si possono conseguire risultati sovrapponibili anche nei casi T3 e N+ dopo resezione bassa con stapler se si esegue una corretta exeresi dei tessuti perirettali.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail