Ricerca avanzata

Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 1999 Febbraio;12(1) > Chirurgia 1999 Febbraio;12(1):23-6

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOCHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

Chirurgia 1999 Febbraio;12(1):23-6

 ARTICOLI ORIGINALI

La chirurgia allargata del cancro colorettale

Pandolfi U., Soffiantini G., Uberti R., Marchesi R., Pistorio A.

Obiettivo. Neoplasie colorettali localmente avanzate si riscontrano nel 15-20% dei casi e spesso solo in fase intraoperatoria. La presente ricerca è volta ad accertare in quanti di questi è stato attuabile un intervento allargato e quali sono stati i risultati, per verificare se i rischi e le complicanze della metodica giustificano l'atteggiamento aggressivo.
Metodi. Vengono analizzati 490 casi di cancro colorettale relativi al decennio 1984-1994, trattati presso la nostra struttura: 331 (68%) ad intento radicale, 129 (26%) con finalità palliative e 30 (6%) con allargamento viscerale. I risultati immediati e a distanza di quest'ultimi sono stati confrontati con il gruppo degli interventi palliativi-resettivi e con un campione rappresentativo randomizzato dei radicali, mediante metodo statistico. L'allargamento si è reso necessario soprattutto con tumore a sede retto-colon sinistro (60%). L'infiltrazione neoplastica è stata confermata istologicamente nel 63% dei casi, ribadendo l'impossibilità di discriminare all'intervento le aderenze flogistiche da quelle carcinomatose. La morbilità è stata del 53% contro il 44% dei radicali e il 39% dei palliativi, pur mostrando simile tipologia. La mortalità è stata importante: 20% contro il 5 e l'8% rispettivamente dei radicali e dei palliativi. La sopravvivenza attuariale a 5 anni è stata pari al 46% per gli allargati contro il 58% dei radicali e il 4% dei palliativi resettivi. L'analisi statistica non ha dimostrato differenze significative tra i primi due gruppi (p = 0,145). Circa il ruolo svolto in termini prognostici da alcune variabili studiate, peso statisticamente significativo è stato dimostrato solo per la presenza di linfonodi positivi (p = 0,039).
Conclusioni. La nostra esperienza conferma la validità dell'intervento allargato nel cancro colorettale localmente avanzato, in assenza di metastasi a distanza e con paziente in buone condizioni generali.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina