Ricerca avanzata

Home > Riviste > Medicina e Chirurgia della Caviglia e del Piede > Fascicoli precedenti > Medicina e Chirurgia della Caviglia e del Piede 2014 Dicembre;38(3) > Medicina e Chirurgia della Caviglia e del Piede 2014 Dicembre;38(3):105-13

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOMEDICINA E CHIRURGIA DELLA CAVIGLIA E DEL PIEDE

Rivista di Anatomia, Fisiopatologia e Chirurgia del Piede

Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

Periodicità: Quadrimestrale

ISSN 2284-2993

Online ISSN 1827-1790

 

Medicina e Chirurgia della Caviglia e del Piede 2014 Dicembre;38(3):105-13

 REVIEW

Neuroma di Morton, labirinto patogenetico: nuova teoria biomeccanica

Vittore D. 1, Dilonardo M. 1, Abate A. 1, Cassano A. 1, Volpe A. 2, Caizzi G. 3

1 Dipartimento Medicina Clinica e Sperimentale, Università Degli Studi di Foggia, Struttura Complessa di Ortopedia e Traumatologia Universitaria, Ospedali Riuniti Foggia, Foggia, Italia;
2 Direttore Foot and Ankle Clinic, Policlinico Abano Terme, Padova, Italia;
3 Dipartimento di Scienze Mediche di Base, Neuroscienze e Organi di Senso, Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”, Policlinico di Bari, Unità Operativa di Ortopedia e Traumatologia, Bari, Italia

Lo studio della eziopatogenesi della metatarsalgia di Civinini-Morton parte dal chiarimento che essa è una sindrome dolorosa del piede che non ha nulla a che vedere con lesioni di tipo neoplastico, come il termine “neuroma”, con cui viene spesso identificata, fa pensare. In effetti dal punto di vista anatomo-patologico si apprezza di solito una fibrosi perineurale che avvolge il nervo intermetatarsale colpito. Tale fenomeno viene classicamente spiegato in letteratura avanzando quattro ipotesi etiopatogenetiche. La prima è quella del “traumatismo cronico”, per cui durante la stazione eretta e la marcia le elevate sollecitazioni plantari provocherebbero, in piedi anatomo-biomeccanicamente predisposti, una “irritazione” delle strutture nervose intermetatarsali, con sviluppo di una flogosi cronica e quindi fibrosi. La seconda teoria è quella “ischemica; in tal caso sarebbero i processi vasculitici a carico della parete dei vasa nervorum dei nervi intermetatarsali, attraverso un processo sequenziale di endoarterite-trombosi-parziale ricanalizzazione, a determinare una sofferenza ischemica del tessuto neurale e successiva fibrosi post-necrotica. Una terza teoria prevede la comparsa di una borsite intermetatarsale legata a cause di sovraccarico meccanico; il versamento all’interno della borsa provocherebbe la compressione del nervo intermetatarsale e quindi la comparsa del dolore. L’ultima teoria prevede invece un meccanismo patogenetico da intrappolamento del nervo tra il legamento intermetatarsale e la fascia plantare durante la fase di stacco del piede dal suolo nella la marcia. Nella maggior parte dei casi non appare possibile escludere assolutamente una teoria patogenetica; esse invece sembrano contribuire in maniera variabile a quello che è il quadro doloroso finale. Lo studio dei parametri clinici, radiografici e strumentali al fine di instaurare una terapia più possibile eziologica ci ha permesso di descrivere una nuova ipotesi patogenetica. Essa parte da una situazione di conflitto intermetatarsale sostenuto dal capo trasverso del muscolo adduttore dell’alluce. Il capo trasverso origina dalla 3°, 4 e 5 articolazione metatarso-falangea e continua medialmente, si unisce al tendine del muscolo flessore lungo dell’alluce, è uno stabilizzatore attivo del metatarso. Una sua attivazione eccessiva e patologica potrebbe causare il restringimento dello spazio tra III-IV metatarsale; infatti il terzo metatarsale possiede una limitata motilità, mentre sotto l’azione dell’adduttore il quarto tenderebbe ad avvicinarglisi comprimendo il nervo. Infatti essendo il II e il III metatarso meno mobili, il muscolo costringe lo spazio intermetatarsale III-IV contro di esso. Il riconoscimento di tale meccanismo rappresenterebbe un nuovo punto di partenza per il trattamento eziologico, l’unico realmente utile nella risoluzione definitiva ed efficace di tale condizione morbosa.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina