Home > Riviste > Medicina e Chirurgia della Caviglia e del Piede > Fascicoli precedenti > Chirurgia del Piede 2013 Agosto;37(2) > Chirurgia del Piede 2013 Agosto;37(2):41-51

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA E CHIRURGIA DELLA CAVIGLIA E DEL PIEDE

Rivista di Anatomia, Fisiopatologia e Chirurgia del Piede


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

REVIEW  


Chirurgia del Piede 2013 Agosto;37(2):41-51

lingua: Inglese

Definizione e classificazione della tallodinia

Bardelli M. 1, Ieri M. 2

1 Presidente, Società Interdisciplinare Piede e Postura Montecatini Terme, Pistoia, Italy;
2 Segretario alla Presidenza, Società Interdisciplinare Piede e Postura Montecatini Terme, Pistoia, Italy


PDF  


Intendiamo per tallodinia il dolore acuto o cronico riferito in uno o più punti di quell’area che viene comunemente definita tallone. Quest’area topograficamente comprende: inferiormente la regione posteriore della pianta del piede, medialmente la zona che sale fino al malleolo mediale, lateralmente la zona che sale fino al malleolo peroneale e posteriormente la zona d’inserzione del tendine di Achille sul calcagno. Tra le classificazioni che cercano di raccogliere in maniera sistematica il dolore calcaneale nell’adulto vi è quella, più largamente condivisa, di suddividere la tipologia del dolore in base alla localizzazione topografica prevalente: diffusa, plantare o inferiore, mediale, laterale e posteriore. In base alla nostra esperienza la talalgia è causa di dolore del piede otto volte meno frequentemente rispetto alla metatarsalgia. Comprendere la talalgia nella sua eziopatogenesi multifattoriale è estremamente importante e quindi viene proposta una classificazione capace di raccogliere tutte le varie forme di dolore calcaneale mediante un sistema numerico utile sia in senso analitico che clinico.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail