Home > Riviste > Medicina e Chirurgia della Caviglia e del Piede > Fascicoli precedenti > Chirurgia del Piede 2011 Dicembre;35(3) > Chirurgia del Piede 2011 Dicembre;35(3):113-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA E CHIRURGIA DELLA CAVIGLIA E DEL PIEDE

Rivista di Anatomia, Fisiopatologia e Chirurgia del Piede


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

CASI CLINICI  


Chirurgia del Piede 2011 Dicembre;35(3):113-8

lingua: Italiano

Esostosi subungueale: patologia rara spesso misconosciuta

Cerlon R., Balboni E., Versiglia F., Morino L., Crova M.

U.O.S Chirurgia del Piede, II Clinica Ortopedica Universitaria CTO, Torino


PDF  


L’esostosi subungueale è una lesione ossea benigna che si sviluppa in sede subungueale o adiacente all’unghia. Il quadro clinico necessita di un’accurata diagnosi differenziale con la verruca subungueale, il melanoma subungueale e lesioni tumorali maligne della falange distale; tuttavia la patologia che più frequentemente è causa di mancata diagnosi di esostosi subungueale, come già accennato è l’unghia incarnita, data la notevole somiglianza dei due quadri clinici.
Presso l’Unità Operativa Dipartimentale di Chirurgia del Piede della II Clinica Ortopedica del CTO di Torino dal Gennaio 2004 a Maggio 2009 sono stati trattati tre pazienti, due femmine e un maschio, affetti da esostosi subungueale del I raggio del piede. Tutti e tre pazienti sono giunti alla nostra osservazione dopo trattamenti plurimi eseguiti presso altra struttura con diagnosi di unghia incarnita recidivante. Per tutti non era mai stato eseguito alcun trattamento radiografico. Tenendo conto dell’esperienza personale degli autori si ritiene di suggerire un costante controllo radiografico dell’alluce in tutti i casi caratterizzati dal riscontro di patologia ungueale con flogosi recidivante associata a sintomatologia dolorosa insorta in soggetti giovani. Pur essendo una patologia rara l’esostosi subungueale rappresenta certamente un quadro ad insorgenza subdola che si associa più che a segni clinici di lesione occupante spazio a reazioni flogistiche locali che certamente hanno condotto nei casi osservati ad una non corretta interpretazione della patologia stessa.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail