Home > Riviste > Medicina e Chirurgia della Caviglia e del Piede > Fascicoli precedenti > Chirurgia del Piede 2011 April;35(1) > Chirurgia del Piede 2011 April;35(1):1-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA E CHIRURGIA DELLA CAVIGLIA E DEL PIEDE

Rivista di Anatomia, Fisiopatologia e Chirurgia del Piede


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia del Piede 2011 April;35(1):1-9

Copyright © 2011 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Fratture-lussazioni della Lisfranc: diagnosi, trattamento e revisione casistica dell’ospedale regionale di Aosta

Basile G. 1, Meluccio A. 1, Geminiani A. 1, Cardis C. 1, Marino P. 1, Pagano R. 1, Muraro E. 2

1 S.C. Ortopedia e Traumatologia, Ospedale Regionale “U. Parini” di Aosta, Aosta, Italia 2 S.C. Radiologia, Ospedale Regionale “U. Parini di Aosta, Aosta, Italia


PDF  


Obiettivo e metodi. I traumi del complesso articolare di Lisfranc sono lesioni che restano sovente misconosciute e sono solitamente la conseguenza di traumi ad alta energia. Purtroppo, anche quando correttamente diagnosticate e trattate, queste lesioni possono dare risultati insoddisfacenti nel medio e lungo periodo, con esiti in deformità o dolore cronico a carico del mesopiede. Per la diagnosi in urgenza, fermo restando l’elevato indice di sospetto necessario, può essere sufficiente un esame radiografico standard, tenendo presenti alcune “linee guida”, proposte da Stein, anche se negli ultimi tempi il più frequente ricorso ad esami T.C. può aiutare nella diagnosi. Il ripristino della anatomia e della stabilità articolare è determinante per l’esito funzionale, che però risulta gravato da un alto tasso di deformità, limitazione funzionale e dolore. Il trattamento di elezione consiste nell’intervento chirurgico di riduzione cruenta ed osteosintesi con fili di Kirschner o viti mediante un accesso trasversale o doppio accesso longitudinale dorsale.
Risultati e conclusioni. Rispettando questi criteri, nella loro revisione casistica, gli autori hanno ottenuto l’80% di risultati buoni o ottimi, al follow-up a 7 anni.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail