Home > Riviste > Medicina e Chirurgia della Caviglia e del Piede > Fascicoli precedenti > Chirurgia Del Piede 2008 Dicembre;32(3) > Chirurgia Del Piede 2008 Dicembre;32(3):105-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA E CHIRURGIA DELLA CAVIGLIA E DEL PIEDE

Rivista di Anatomia, Fisiopatologia e Chirurgia del Piede


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia Del Piede 2008 Dicembre;32(3):105-8

lingua: Italiano

Il trattamento delle lesioni legamentose nelle fratture isolate del perone

Specchiulli F., Gabrieli R., Di Carlo V.

Cattedra di Ortopedia e Traumatologia Università degli Studi di Foggia Facoltà di Medicina e Chirurgia Foggia, Italia


PDF  


Obiettivo. Questo studio retrospettivo riguarda il trattamento delle fratture isolate del perone con sublussazione dell’astragalo. Scopo dello studio è il controllo a distanza (follow-up di 4 anni e 5 mesi) dei risultati del trattamento chirurgico attraverso l’uso dei criteri di Cedell e della scala di valutazione della AOFAS.
Metodi. Lo studio è stato condotto su 30 pazienti affetti da frattura della caviglia e trattati presso il nostro istituto. 25 erano uomini, 5 donne, età media 38 anni. In 18 pazienti la frattura era avvenuta per pronazione-rotazione esterna, in 12 per pronazione-abduzione. Tutte le fratture sono state trattate con placca semitubulare per il perone a 4 o 5 fori. La vite di protezione della sindesmosi è stata impiegata solo quando la frattura del perone era a più di quattro centimetri dall’interlinea articolare.
Non si è mai proceduto alla riparazione del legamento deltoideo.
Risultati. Buoni risultati sono stati ottenuti in 21 pazienti (70%) con uno score medio di 79 punti. Quattro pazienti hanno presentato alterazioni degenerative articolari. Il ritorno all’attività sportiva è avvenuto dopo 4,5 mesi.
Conclusioni. Riteniamo che la riparazione del legamento deltoideo sia necessaria solo quando l’interposizione delle parti molli impedisce all’astragalo di riposizionarsi nel mortaio tibio-fibulare. La frattura isolata del malleolo laterale determina instabilità dell’astragalo se associata a lesioni legamentose (legamento deltoideo, sindesmosi anteriore). La stabilizzazione del perone è tuttavia sufficiente per ottenere una corretta centrazione dell’astragalo. La vite di protezione della sindesmosi va impiegata nelle fratture alte del malleolo peroneale.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail