Home > Riviste > Medicina e Chirurgia della Caviglia e del Piede > Fascicoli precedenti > Chirurgia Del Piede 2007 August;31(2) > Chirurgia Del Piede 2007 August;31(2):79-85

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA E CHIRURGIA DELLA CAVIGLIA E DEL PIEDE

Rivista di Anatomia, Fisiopatologia e Chirurgia del Piede


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

REVIEW  


Chirurgia Del Piede 2007 August;31(2):79-85

Copyright © 2007 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Classificazione delle lesioni nervose periferiche in continuità alla caviglia e al piede

Giorgetti A. 1, Bardelli M. 2

1 Centro Traumatologico Ortopedico AOUC - Careggi, Firenze 2 Ospedale Santa Maria Annunziata ASL 10 Firenze


PDF  


Una lesione nervosa in continuità alla caviglia e al piede può riconoscere diverse possibili cause ma quando ci troviamo di fronte a una mononeuropatia isolata potremo facilmente ipotizzare un’origine traumatica o meccanica in quanto le altre cause come le vascolari, le metaboliche, le tossiche, le infettive danno origine in prevalenza a forme di polineuropatia oppure a mononeuropatie multifocali. Le mononeuropatie a genesi traumatica (macrotrauma) possono manifestarsi con un neuroma doloroso da amputazione in seguito a lesione completa oppure con un cosiddetto neuroma in continuità espressione o di una lesione subtotale o di una lesione da trazione o stiramento. Le mononeuropatie meccaniche (microtrauma) possono essere suddivise in forme da compressione e forme canalicolari a seconda che la compressione avvenga al di fuori o a livello di spazi anatomici ben noti e prevedibili. Ci sembra utile a questo punto introdurre il termine di sindrome pseudocanalicolare con il quale si identificano tutte le forme dovute a compressione extracanale. Una perfetta conoscenza dell’anatomia topografica e funzionale dei tronchi nervosi della caviglia e del piede consente di poter più facilmente distinguere, tra forme cliniche talvolta sovrapponibili, una moneuropatia canalicolare da una mononeuropatia pseudocanalicolare al fine anche di migliorare sia le indicazioni al trattamento conservativo che la scelta del tipo di intervento necessario alla soluzione del problema.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail