Home > Riviste > Medicina e Chirurgia della Caviglia e del Piede > Fascicoli precedenti > Chirurgia Del Piede 2006 Aprile;30(1) > Chirurgia Del Piede 2006 Aprile;30(1):25-9

ULTIMO FASCICOLOMEDICINA E CHIRURGIA DELLA CAVIGLIA E DEL PIEDE

Rivista di Anatomia, Fisiopatologia e Chirurgia del Piede


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia Del Piede 2006 Aprile;30(1):25-9

lingua: Italiano

Influenza dell’obesità sul ciclo deambulatorio: analisi biomeccanica con piattaforma di forza in giovani donne

Pomara F. 1, Russo G. 2, Cacciola F. 3, Gravante G. 3

1 Poliambulatorio Medeor, Palermo
2 Sezione di Fisiologia Umana Facoltà di Medicina e Chirurgia, DI.ME.S Università degli Studi di Palermo, Palermo
3 Laboratorio di Fisiologia Applicata Facoltà di Scienze Motorie Università degli Studi di Palermo, Palermo


PDF  ESTRATTI


Obiettivo. Abbiamo voluto verificare gli adattamenti biomeccanici dell’appoggio plantare in soggetti obesi rispetto a normopeso durante il ciclo deambulatorio attraverso una piattaforma di forza.
Metodi. Abbiamo registrato il ciclo deambulatorio usando una piattaforma di forza in 19 donne normopeso e 20 obese, escludendo preventivamente soggetti con dominanza dell’emisoma sinistro e con deficit del rachide, degli arti inferiori e degli organi di senso.
Risultati. Le significative differenze antropometriche erano attese. Le obese presentano un significativo incremento nel tempo di appoggio plantare e nel tempo di realizzazione del ciclo deambumatorio in toto. L’analisi di ogni singola impronta plantare ha evidenziato che i prolungati tempi del ciclo deambulatorio nelle obese rispetto alle normopeso è conseguente ad un significativo incremento dell’appoggio nella fase intermedia in entrambe le impronte plantari.
Conclusioni. Le donne obese realizzano un ciclo deambulatorio più lento rispetto alle normopeso, sollecitando particolarmente la fase centrale dell’appoggio in entrambe i piedi; un ciclo deambulatorio più lento consente maggiore stabilità e controllo corporeo, tuttavia determina un sovraccarico funzionale sui piedi che può evolvere in patologie croniche.

inizio pagina