Home > Riviste > Medicina e Chirurgia della Caviglia e del Piede > Fascicoli precedenti > Chirurgia Del Piede 2005 Giugno;29(2) > Chirurgia Del Piede 2005 Giugno;29(2):85-90

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA E CHIRURGIA DELLA CAVIGLIA E DEL PIEDE

Rivista di Anatomia, Fisiopatologia e Chirurgia del Piede


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

REVIEW  


Chirurgia Del Piede 2005 Giugno;29(2):85-90

lingua: Italiano

L'artrodesi di tibio-tarsica e di sottoastragalica negli esiti delle fratture dell'astragalo

Pisani P. C.


PDF  


L'artropatia degenerativa rappresenta, fra le complicanze a distanza delle fratture di astragalo l'evento più frequente ed interessa prevalentemente l'articolazione sottoastragalica. Ma, soprattutto a seguito di fratture totali di corpo e collo, spesso comminute e scomposte e talora complicate da sofferenza ischemica dell'osso, il coinvolgimento degenerativo secondario può aversi contemporaneamente a carico del versante tibio-astragalico e astragalo-calcaneale, seppure con frequenza nettamente inferiore se paragonato con il coinvolgimento isolato della sottoastragalica e della tibio-tarsica.
Nei casi di compromissione delle due articolazioni il trattamento è orientato allì'artrodesi contemporanea di esse, essendo limitata a rari casi la possibilità di protesizzazione della tibio-tarsica ed artrodesi della sottoastragalica, o di artrodesi tibio-calcaneale, mentre deve ritenersi del tutto eccezionale il ricorso all'astragalectomia.
La tecnica di artrodesi contemporanea, nella nostra esperienza ricalca nell'accesso e nei modi l'artrodesi della tibio-tarsica per via trans-tibioperoneale con apposizione del tratto distale del perone vascolarizzato, salvo minime varianti sia di accesso che di esecuzione.
Vengono riferiti casistica e risultati.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail