Home > Riviste > Medicina e Chirurgia della Caviglia e del Piede > Fascicoli precedenti > Chirurgia Del Piede 2004 June;28(2) > Chirurgia Del Piede 2004 June;28(2):53-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA E CHIRURGIA DELLA CAVIGLIA E DEL PIEDE

Rivista di Anatomia, Fisiopatologia e Chirurgia del Piede


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

REVIEW  


Chirurgia Del Piede 2004 June;28(2):53-8

lingua: Italiano

Osteotomia distale dei metatarsi laterali a «V» ad apice distale

Andreasi A., Ceschi M.


PDF  


In questa pubblicazione viene descritta l'osteotomia distale a «V» ad apice distale, secondo Jacoby (1973), dei metatarsi laterali. Vengono riportate le principali indicazioni sia dell'osteotomia propriamente detta che della resezione, intendendo con questo termine la sottrazione dal metatarso di un «grado di caporale» osseo compreso fra le 2 linee osteotomiche più o meno parallele a seconda dei casi. Vengono descritti i 2 interventi chirurgici con i gesti associati, il tipo di sintesi e il decorso postoperatorio, con i possibili inconvenienti e le reali complicanze osservate nella casistica operatoria.
Viene discusso il motivo per il quale, a detta degli Autori, tale intervento deve essere considerato uno dei più validi per raggiungere gli obiettivi che ci si è posti.
Infatti, l'osteotomia a «V» a vertice distale è una osteotomia:
‹ metatarsale distale;
‹ extraarticolare;
‹ che rimuove il sovraccarico per dorsalizzazione della testa metatarsale o per accorciamento del metatarso;
‹ che può essere eseguita con le stesse modalità tecniche sia nell'osteotomia che nella resezione;
‹ che consente il controllo della vista durante tutti i tempi dell'intervento;
‹ che può essere sintetizzata «a minima» in modo stabile.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail