Home > Riviste > Medicina e Chirurgia della Caviglia e del Piede > Fascicoli precedenti > Chirurgia Del Piede 2004 June;28(2) > Chirurgia Del Piede 2004 June;28(2):45-52

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA E CHIRURGIA DELLA CAVIGLIA E DEL PIEDE

Rivista di Anatomia, Fisiopatologia e Chirurgia del Piede


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia Del Piede 2004 June;28(2):45-52

Copyright © 2004 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

La lussazione recidivante dei tendini peronieri. Revisione di letteratura e casistica

Parino E., Germano M.


PDF  


Obiettivo. La lussazione dei tendini peronieri è un evento raro, che viene spesso misconosciuto in fase acuta e la diagnosi richiede un alto grado di sospetto; se il trattamento in questa fase non è idoneo, la conseguenza più frequente è la lussazione recidivante.
La rara osservazione di questa patologia non permette una casistica operatoria statisticamente significativa per ogni autore e l'estrema varietà di metodiche proposte in letteratura rende difficile una valutazione comparativa.
Metodi. presentiamo una casistica di 9 casi di lussazioni recidivanti dei peronieri trattate chirurgicamente in pazienti con una età media di 32 anni e con un follow-up medio di 3 anni e 10 mesi.
Nella maggioranza dei casi il reperto anatomico ritrovato è stato il retinacolo integro, in continuità con il periostio che appariva scollato dalla faccia anteriore del malleolo peroneale con conseguente formazione di una camera di lussazione. È stata ricostruita la puleggia retromalleolare ancorando con punti transossei al malleolo peroneale il lembo periostale a chiusura della camera di lussazione.
Risultati. I risultati sono stati ottenuti analizzando i dati relativi a un questionario associati a un controllo clinico.
A parte il caso di recidiva riportato in tutti i restanti casi i peronieri apparivano validi e con una buona ripresa dell'attività sportiva.
Discussione. Presentiamo le differenti tecniche chirurgiche riportate in letteratura. È però fondamentale poter associare la scelta della tecnica chirurgica al quadro anatomo-patologico riscontrato, anche se molto spesso in letteratura questa associazione non viene riportata e questo rende difficile il confronto tra le casistiche.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail