Home > Riviste > Medicina e Chirurgia della Caviglia e del Piede > Fascicoli precedenti > Chirurgia Del Piede 2004 Marzo;28(1) > Chirurgia Del Piede 2004 Marzo;28(1):21-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA E CHIRURGIA DELLA CAVIGLIA E DEL PIEDE

Rivista di Anatomia, Fisiopatologia e Chirurgia del Piede


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

REVIEW  


Chirurgia Del Piede 2004 Marzo;28(1):21-6

lingua: Italiano

Asepsi e antibiotico profilassi in chirurgia del piede

Napoli V., Napoli E.


PDF  


Il tasso di infezioni contratte a seguito di intervento chirurgico, 25 rimasto sostanzialmente invariato negli ultimi decenni malgrado l'utilizzo di antibiotici sempre più potenti, evidenzia il limite del loro utilizzo esclusivo nella profilassi antinfettiva e rivaluta il ruolo di una rigida applicazione delle misure di asepsi. Un efficace contenimento delle infezioni post-chirurgiche passa attraverso l'adozione coordinata di misure atte a: ‹ assicurare un'adeguata asepsi ambientale intervenendo su pazienti, ambiente, germi; ‹ individuare i farmaci antiinfettivi e la loro modalità di somministrazione più adeguata alla tipologia dell'intervento. Queste regole comportamentali devono essere sempre rigidamente osservate anche negli interventi di chirurgia minore come talora e impropriamente vengono considerati quelli di chirurgia del piede.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail