Home > Riviste > Medicina e Chirurgia della Caviglia e del Piede > Fascicoli precedenti > Chirurgia Del Piede 2002 Marzo;26(1) > Chirurgia Del Piede 2002 Marzo;26(1):17-34

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA E CHIRURGIA DELLA CAVIGLIA E DEL PIEDE

Rivista di Anatomia, Fisiopatologia e Chirurgia del Piede


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia Del Piede 2002 Marzo;26(1):17-34

lingua: Italiano

Patologie del piede in età pediatrica. Rendiconto clinico statistico

Parino E., Pisani P. C., La Motta R.


PDF  


Obiettivo. Presentiamo uno studio epidemiologico descrittivo da noi condotto nel periodo compreso tra aprile 1989 e dicembre 2000 sulle patologie del piede in età pediatrica.
Metodi. Abbiamo esaminato 1978 pazienti e da una prima analisi è risultato, come dato globale, una modesta prevalenza del sesso maschile e una prevalente incidenza nel I anno di vita e nel periodo tra 9 e 11 anni.
Risultati. Le varie patologie osservate sono state suddivise in grossi gruppi: malformazioni 22%, disontomorfogenesi 60%, deformità 10%, disassetti 6%, osteocondrosi 1% e infine le miscelanee 1% comprendenti casi singoli e di più raro riscontro.
Tra questi maggiore è l'incidenza delle disontomorfogenesi seguite dalle malformazioni, le deformità, i disassetti, le miscelanee e le osteocondrosi.
Nell'ambito del gruppo delle malformazioni è il piede torto congenito la patologia a maggiore incidenza, rappresentando il 60%; seconda la patologia malformativa delle dita ed a seguire le sinostosi tarsali, l'astragalo verticale e le agenesie.
Tra le disontomorfogenesi abbiamo incluso il piede valgo evolutivo dell'infanzia ( piede calcaneo-valgo, piede cavo-valgo, piede piatto-valgo), il metatarso varo, l'alluce valgo giovanile, le macrosomie e in ultimo il piede piatto dismetrico tarsale.
Per quanto riguarda il gruppo delle deformità, intese come patologia acquisita, in esse abbiamo incluso: il piede neurologico, il piede talo valgo, le deformità delle dita, e infine le deformità legate alla malattia ulcerosa amniotica.
Altro gruppo è rappresentato dai disassetti morfofunzionali del piede in associazione a disassetti sovrasegmentari.
Tra le osteocondrosi abbiamo incluso le forme inerenti al calcagno, astragalo e scafoide, metatarsali.
Ultime ma solo per esiguità di casi, il gruppo delle miscellanee comprendente casi di raro riscontro o casi singoli: instabilità di sotto astragalica, esostosi, tumori, instabilità di tibio-tarsica ; un piede calcaneo-varo in esiti di rachitismo.
Conclusioni. Per ognuna di questi gruppi e successivamente per ogni patologia in esse incluse abbiamo esaminato le incidenze per età e sesso.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail