Ricerca avanzata

Home > Riviste > Medicina e Chirurgia della Caviglia e del Piede > Fascicoli precedenti > Chirurgia Del Piede 2001 Marzo;25(1) > Chirurgia Del Piede 2001 Marzo;25(1):49-52

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOMEDICINA E CHIRURGIA DELLA CAVIGLIA E DEL PIEDE

Rivista di Anatomia, Fisiopatologia e Chirurgia del Piede


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

Chirurgia Del Piede 2001 Marzo;25(1):49-52

 CASI CLINICI

Impiego della baropodometria elettronica (BPE) nello studio della dismetria degli arti inferiori. Descrizione di un caso clinico

Pomara F., Russo G., Sanfilippo A., Letizia Mauro G., Gravante G.

Abbiamo studiato con la BPE un caso clinico di dismetria degli arti inferiori, conseguente ad un evento infortunistico, con ritardo di recupero funzionale della deambulazione. Il paziente presentava, all'esame baropodometrico in statica senza calzature e senza ortesi, impronte plantari con carichi nella norma; all'esame in statica con calzature e senza ortesi, il piede destro operato accoglieva il 42% del peso corporeo ed il picco di pressione M si trovava sulla seconda testa metarsale di sinistra, i centri di pressione delle singole impronte plantari («articolari») non erano equidistanti dalla proiezione al suolo del baricentro corporeo. All'esame baropodometrico in statica con calzature e con ortesi esterna, i carichi erano uniformemente distribuiti sulle impronte plantari e i centri di pressione articolari si riportavano equidistanti dalla proiezione del baricentro corporeo. Nell'esame baropodometrico in dinamica, l'applicazione dell'ortesi annullava, quasi completamente, la zoppia che caratterizzava la deambulazione, migliorando tutti i parametri rilevati. Il seguente lavoro testimonia l'utilità della BPE nella valutazione diagnostica e nel follow-up dei pazienti con dismetrie degli arti inferiori.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina