Home > Riviste > Medicina e Chirurgia della Caviglia e del Piede > Fascicoli precedenti > Chirurgia Del Piede 2001 Marzo;25(1) > Chirurgia Del Piede 2001 Marzo;25(1):1-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA E CHIRURGIA DELLA CAVIGLIA E DEL PIEDE

Rivista di Anatomia, Fisiopatologia e Chirurgia del Piede


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia Del Piede 2001 Marzo;25(1):1-8

lingua: Inglese

Modern tactics and techniques in the treatment of angiodysplasias of the foot

Loose D. A.


PDF  


In pazienti che presentano malformazioni vascolari congenite nella regione del piede, soprattutto gli aspetti clinici chiariscono quanto sia importante seguire la classificazione di Amburgo (1988). In questo modo è possibile distinguere le diverse strutture morfologiche predominanti: arteriose, venose, linfatiche, arterovenose, combinate. Tali patologie si possono manifestare in due diverse forme anatomo patologiche: tronculari (disembrioplasia di strutture vascolari indifferenziate) ed extratronculari (parti residue del plesso capillare primitivo). L'iter diagnostico prevede la valutazione del quadro clinico funzionale. Inoltre si eseguono test di screening (non invasivi) ed esami più specifici (invasivi). È essenziale ottenere informazioni diagnostiche precise circa l'interessamento dei quattro compartimenti del piede, in quanto dirimente ai fini della via di accesso chirurgica alle diverse regioni del piede. Sono state individuate circa otto principali vie di accesso chirurgiche. Il trattamento segue sei principi di base e deve essere precoce, causale e adattato alla sintomatologia individuale della sindrome anatomopatologica, funzionale e clinica. Inoltre, esistono tecniche non chirurgiche e chirurgiche nel trattamento, che sono applicate isolatamente o in combinazione. Il trattamento chirurgico segue sei strategie: 1) interventi ricostruttivi; 2) interventi atti a ridurre gli stunts artero-venosi (interventi emodinamici non radicali); 3) interventi atti a rimuovere i difetti vascolari ove possibile (devascolarizzazione); 4) trattamenti combinati; 5) chirurgia non convenzionale; 6) chirurgia multidisciplinare. Queste strategie hanno chiare indicazioni e sono caratterizzate da diverse tecniche chirurgiche specifiche, che vengono illustrate e spiegate. Sono stati trattati oltre 950 pazienti con malformazioni vascolari congenite, il 20% delle quali localizzate nella regione del piede per un totale di 190 pazienti. I risultati a distanza, ricavati da uno studio multicentrico di tutte le localizzazioni delle malformazioni vascolari, sono stati eccelenti e buoni nel 57% dei casi e hanno mostrato un miglioramento in un ulteriore 34% dei casi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail