Home > Riviste > Medicina e Chirurgia della Caviglia e del Piede > Fascicoli precedenti > Chirurgia Del Piede 2000 Giugno;24(2) > Chirurgia Del Piede 2000 Giugno;24(2):107-16

ULTIMO FASCICOLOMEDICINA E CHIRURGIA DELLA CAVIGLIA E DEL PIEDE

Rivista di Anatomia, Fisiopatologia e Chirurgia del Piede


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia Del Piede 2000 Giugno;24(2):107-16

lingua: Italiano

Lesioni osteocondrali dell'astragalo: trattamento artroscopico in un gruppo di giovani sportivi

Gobbi A., Santamaria S., Diara A.


PDF  ESTRATTI


Obiettivo. Le lesioni osteocondrali dell'astragalo, patologia piuttosto rara, rappresentano ancora oggi un problema diagnostico e terapeutico non completamente risolto essendo state proposte varie classificazioni e differenti trattamenti. Con questo studio noi valutiamo l'efficacia della tecnica delle microfratture per trattare le lesioni osteocondrali dell'astragalo in giovani atleti.
Metodi. Dal 1993 al 1996 abbiamo trattato 10 caviglie in 9 pazienti affetti da lesione osteocondrale cronica. L'età media dei pazienti era di 24 anni, sei pazienti avevano subito un trauma alla caviglia. Tutti i pazienti sono stati sottoposti a debridement artroscopico della lesione e condroplastica associata a perforazioni o microfratture. I dati registrati sono stati analizzati retrospettivamente ed i pazienti riesaminati a distanza di 2 anni dall'intervento tramite valutazione soggettiva ed oggettiva, test funzionali, esame radiografico, TC o RMN; abbiamo utilizzato la scheda proposta da Loomer per la valutazione dei risultati.
Risultati. Il 70% dei pazienti ha ottenuto un risultato eccellente o buono, un paziente discreto ed una paziente, affetta da lesione bilaterale, cattivo.
Conclusioni. Il trattamento da noi scelto ha reso possibile una riduzione del trauma chirurgico, della morbidità, delle complicazioni e del tempo di ricovero ospedaliero, mostrando a medio termine dei buoni risultati nella maggior parte dei casi; lo riteniamo dunque da preferire, quando possibile, alle tecniche tradizionali di chirurgia aperta.

inizio pagina