Ricerca avanzata

Home > Riviste > Medicina e Chirurgia della Caviglia e del Piede > Fascicoli precedenti > Chirurgia Del Piede 2000 Marzo;24(1) > Chirurgia Del Piede 2000 Marzo;24(1):49-52

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOMEDICINA E CHIRURGIA DELLA CAVIGLIA E DEL PIEDE

Rivista di Anatomia, Fisiopatologia e Chirurgia del Piede


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

Chirurgia Del Piede 2000 Marzo;24(1):49-52

 ARTICOLI ORIGINALI

Il trattamento chirurgico del «mal perforante plantare»

Dalla Pria A., Conca M., Rossetti F.

Le ulcere della pianta del piede in pazienti diabetici o arteriopatici sono spesso causa di difficile trattamento per la molteplicità dei fattori che le determinano. In particolare le lesioni trofiche plantari in sede metatarsale sono favorite da un'eccessiva pressione sull'osso per caduta in equinismo della testa del metatarso, in presenza di un pannicolo mal irrorato o dove una patologia diabetica può rallentare o impedire il processo riparativo. Dal 1993 ad oggi abbiamo trattato 28 casi di «mal perforante plantare» dove le lesioni ulcerose della pianta del piede in sede metatarsale si protraevano da molti mesi senza tendere alla guarigione, nonostante le più svariate terapie, compresa l'ozono terapia e l'iperbarica. Il trattamento chirurgico mediante osteotomia in talismo del metatarso interessato si prefiggeva di ridurre il sovraccarico meccanico come fattore scatenante dell'ulcera. A livello della lesione trofica, dopo cruentazione dei margini, abbiamo eseguito una plastica a «S» ruotando due lembi cutanei di circa 60°. Il paziente è rimasto in scarico per 2 settimane sino alla rimozione dei punti, quindi il carico è stato concesso con l'uso di stampelle. I risultati a distanza di 1 anno dal trattamento sono stati buoni senza alcuna recidiva.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina