Ricerca avanzata

Home > Riviste > Medicina e Chirurgia della Caviglia e del Piede > Fascicoli precedenti > Chirurgia Del Piede 2000 Marzo;24(1) > Chirurgia Del Piede 2000 Marzo;24(1):1

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOMEDICINA E CHIRURGIA DELLA CAVIGLIA E DEL PIEDE

Rivista di Anatomia, Fisiopatologia e Chirurgia del Piede

Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

Periodicità: Quadrimestrale

ISSN 2284-2993

Online ISSN 1827-1790

 

Chirurgia Del Piede 2000 Marzo;24(1):1

 ARTICOLI ORIGINALI

Valutazione baropodometrica delle metatarsalgie

Villani C., Mantegna N., Persiani P., Ruo P.

Obiettivo. Attualmente, la metodica di studio più indicata per le metatarsalgie è la baropodometria elettronica grazie alla sua precisione valutativa sia in senso quantitativo che qualitativo dei carichi, sia in statica che in dinamica in fase clinica ma anche preclinica, con le relative ripercussioni positive sia in senso clinico-diagnostico e terapeutico che ne derivano. Obiettivo dello studio è stato quello di verificare l'affidabilità, la sensibilità, la predittività e la specificità della BPE nelle metatarsalgie.
Metodi. Gli Autori hanno studiato 128 pazienti, in cura presso gli ambulatori della I Divisione della Clinica Ortopedica dell'Università «La Sapienza» di Roma, affetti da metatarsalgia. Di questi 57 erano uomini e le restanti 71 erano donne. L'età media degli uomini era di 55, mentre delle donne era di 58. Partendo dal presupposto che qualunque sia la causa di un sovraccarico, il risultato finale è la metatarsalgia, abbiamo valutato l'alterazione dell'appoggio podalico, le conseguenti manifestazioni dolorose e la strategia deambulatoria messa in atto dal paziente.
Risultati. L'uso del baropodometro, quale strumento coadiuvante delle osservazioni cliniche e delle rilevazioni radiologiche, podoscopiche e strumentali in genere, ci ha permesso un controllo elettronico delle patologie metatarsali in condizioni statiche e dinamiche con l'esatta rilevazione del carico delle teste metatarsali.
Conclusioni. Possiamo concludere che i pazienti con sovraccarico sintomatico attuano una strategia deambulatoria dettata dal dolore.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina