Ricerca avanzata

Home > Riviste > Medicina e Chirurgia della Caviglia e del Piede > Fascicoli precedenti > Chirurgia Del Piede 1999 Giugno;23(2) > Chirurgia Del Piede 1999 Giugno;23(2):79-84

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOMEDICINA E CHIRURGIA DELLA CAVIGLIA E DEL PIEDE

Rivista di Anatomia, Fisiopatologia e Chirurgia del Piede


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

Chirurgia Del Piede 1999 Giugno;23(2):79-84

 ARTICOLI ORIGINALI

Sevoflurano ed isoflurano in anestesia generale in chirurgia del piede

Napoli V.

Tra le varie tecniche di anestesia in chirurgia del piede, l'anestesia generale in respiro spontaneo si fa preferire per le sue caratteristiche di semplicità e pronta reversibilità. Tra gli anestetici generali inalatori in uso che ne condizionano il decorso e gli esiti vengono qui considerati il sevoflurano e l'isoflurano.
L'isoflurano, da molti anni in uso, ha lo svantaggio di essere irritante per le vie aeree e provocare tosse e spasmi se usato ad alte concentrazioni durante l'induzione. Per contro conferisce stabilità cardiocircolatoria, ottima miorisoluzione e rapida eliminazione per via polmonare con minimo impegno metabolico per il fegato. Pronto il risveglio ed il recupero delle funzioni della vita di relazione.
Il sevoflurano, di uso clinico più recente, non irrita la mucosa respiratoria e si propone come elettivo nei bambini per l'assenza di odore acre anche all'elevata concentrazione necessaria per indurre e mantenere la narcosi. Anche se non dà accumulo per la sua scarsa solubilità tessutale, l'uso a concentrazioni elevate comporta un maggiore impegno metabolico del fegato ed una eliminazione più protratta con un risveglio moderatamente più lento.
Buona la stabilità cardiocircolatoria e la miorisoluzione. Sono entrambi utili in anestesia in chirurgia del piede per una scelta che tenga conto dell'età del paziente e dell'eventuale presenza di limitanti patologie d'organo.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina