Home > Riviste > Medicina e Chirurgia della Caviglia e del Piede > Fascicoli precedenti > Chirurgia Del Piede 1999 June;23(2) > Chirurgia Del Piede 1999 June;23(2):73-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA E CHIRURGIA DELLA CAVIGLIA E DEL PIEDE

Rivista di Anatomia, Fisiopatologia e Chirurgia del Piede


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Chirurgia Del Piede 1999 June;23(2):73-8

lingua: Italiano

La ricostruzione dei tessuti molli del piede post-traumatico. I parte

Bruschi S., Fraccalvieri M.


PDF  


La copertura efficace e stabile di una perdita di sostanza post-traumatica a carico del piede rimane per il chirurgo un problema di non facile soluzione. Il piede è infatti un organo complesso, costituito da una serie di strutture stipate e interdipendenti ed è inoltre rivestito da tessuti molli le cui caratteristiche lo differenziano da ogni altra parte del corpo umano. Il piede, proprio per le funzioni cui è destinato, deve sopportare una moltitudine di traumatismi «fisiologici», che comprendono sia il carico prodotto dall'intero organismo, sia le sollecitazioni continue provocate dalle calzature. D'altronde, la situazione topografica e l'elevata frequenza dell'infortunistica del lavoro e stradale fanno sì che tale organo sia quanto mai predisposto a subire lesioni di tipo traumatico. La regione del piede è interessata da tali infortuni nel 15,2% dei casi in ambito industriale e artigiano e nel 16,5% dei casi in ambito agricolo. In questo lavoro gli Autori affrontano le problematiche che i chirurghi plastici ricostruttivi di solito incontrano nella riparazione dei tessuti molli del piede. Per affrontare in modo organico e, per quanto possibile, didattico tale argomento gli Autori hanno preferito suddividerlo in tre parti distinte ma consequenziali tra loro. La prima parte, oggetto del presente articolo, dopo una breve introduzione atta a sottolineare ed esaltare dati statistici sul coinvolgimento dell'organo piede nell'infortunistica del lavoro, ha come obiettivo di porre delle basi sul trattamento di una ferita post-traumatica, per meglio poi affrontare la copertura chirurgica di tali p.d.s. Gli Autori sottolineano l'importanza di una stretta collaborazione tra ortopedico e chirurgo plastico al fine di affrontare con più completa competenza e successo funzionale tale tipo di traumi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail