Home > Riviste > Italian Journal of Maxillofacial Surgery > Fascicoli precedenti > Italian Journal of Maxillofacial Surgery 2006 April-December;17(1-3) > Italian Journal of Maxillofacial Surgery 2006 April-December;17(1-3):63-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ITALIAN JOURNAL OF MAXILLOFACIAL SURGERY

Rivista di Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Maxillofacial Surgery


eTOC

 

CASI CLINICI  


Italian Journal of Maxillofacial Surgery 2006 April-December;17(1-3):63-9

Copyright © 2006 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Ricostruzione del mascellare anteriore con innesto osseo mandibolare bilaterale. Caso clinico e revisione della letteratura

Acocella A. 1, Sacco R. 1, Catelani C. 1, Agostini T. 2, Nardi P. 1

1 Department of Odontostomathology Division of Maxillo-Facial Surgery Faculty of Medicine University of Florence, Florence, Italy 2 Department of Plastic Reconstructive and Aesthetic Surgery Faculty of Medicine University of Florence, Florence, Italy


PDF  


L’uso di impianti osteointegrati sta divenendo uno standard di trattamento in ambito della moderna riabilitazione dentale. Un prerequisito importante per un risultato estetico e biomeccanico buono è una adeguata quantità e qualità di osso. Difetti della cresta alveolare, come risultato di un trauma o di una pregressa malattia parodontale o di altre condizioni patologiche, possono essere un problema nella riabilitazione implantare. In questi casi, la rigenerazione ossea della cresta alveolare è necessaria se usiamo impianti endossei. Xeno-innesti, innesti di osso alloplastici sono stati proposti per una rigenerazione delle creste alveolari; tuttavia, l’uso di innesti di osso autologo, rappresenta il “gold standard” per le procedure rigenerative. I siti donatori più comuni per la ricostruzione di difetti ossei alveolari sono l’osso prelevato dalla sinfisi mandibolare e dal ramo mandibolare. Infatti, questi siti donatori offrono diversi ed importanti vantaggi, come la non necessità dell’anestesia generale, la convenienza della vicinanza fra il sito donatore ed il sito da rigenerare e la mancanza di cicatrici cutanee. Per la rigenerazione di deficit di creste alveolari, il ramo mandibolare è un dei siti intra-orali che soddisfa le necessità di osso autologo con eccellente qualità e quantità. L’oggetto di questo articolo è la descrizione dei principi generali di prelievo dal ramo mandibolare come sito donatore. Da un punto di vista clinico questa procedura appare essere semplice, sicura ed efficace nel trattamento di difetti alveolari localizzati in pazienti parzialmente edentuli.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail